13.9 C
Belluno
sabato, Novembre 26, 2022
Home Scuola Stamattina l'incontro dell'attivista afgana Miriam Rawi con le classi terze della secondaria...

Stamattina l’incontro dell’attivista afgana Miriam Rawi con le classi terze della secondaria di Mel

Istruzione, un diritto non sempre scontato

Afghanistan: Bakwa 2011

Borgo Valbelluna, 4 ottobre 2022 – Il tour dell’attivista Miriam Rawi, sostenuto dall’Associazione Insieme si Può, è approdato questa mattina in Borgo Valbelluna per parlare con i ragazzi delle classi terze della secondaria di Mel.

Afganistan, la terra dei Pashtun, Talebani, gli studenti fondamentalisti islamici, il burka, le bambine che non possono andare a scuola e le donne prive di qualsiasi diritto sono narrazioni che da anni sentiamo proposte dai mass media, ma che spesso, soprattutto dai più giovani, vengono percepite come realtà lontane e difficili da comprendere.
Per questo motivo è importante informare, attraverso l’esperienza diretta di chi vive queste condizioni, su cosa succede nel mondo per poi decidere che cosa ognuno di noi può fare.

Miriam Rawi è una delle donne più coraggiose e più importanti dell’Afganistan. Militante, insieme ad altre poche dell’associazione Rawa -Associazione Rivoluzionaria delle donne Afgane che dagli anni settanta è impegnata nella lotta per i loro diritti- corre grandi rischi nell’incontrare ragazzi e adulti nei suoi tour di divulgazione in Europa (per tale motivo non ci è stato possibile fotografarla).

Da quarant’anni l’Afganistan vive in una perenne guerra civile, che oltre alla migliaia di morti e feriti ha trascinato le donne in una schiavitù che nega loro qualsiasi diritto di autoaffermarsi, perché mettere a tacere le donne significa controllare più facilmente la popolazione.

Per far capire che cosa significhi non avere diritto nemmeno allo studio è bastato che Mirian abbia chiesto alle ragazze presenti quante avessero dodici anni e abbia detto a queste di uscire dalla sala perché, se fossero state in Afganistan, non avrebbero avuto il diritto di assistere all’incontro.
Per questo Miriam insieme ad altre donne ha deciso di impegnarsi: per dare un futuro a sua figlia e a tutte le figlie del suo paese e capendo bene questo le domande dei ragazzi sono state tante.

L’associazione Rawa in Afganistan organizza delle classi miste segrete che fanno scuola in luoghi nascosti e case private. La loro rivoluzione non è armata, ma consiste in un intervento dal basso attraverso l’istruzione, fornendo alle bambine e alle donne penne, quaderni, libri e quanto necessario per imparare, perché solo la scuola e l’istruzione possono rendere liberi e garantire diritti.

Il messaggio lasciato da Miriam ai ragazzi è che ognuno nel proprio piccolo può contribuire a questa rivoluzione raccontando quanto lei ha condiviso per tenere alta l’attenzione

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Hanno calato la maschera. L’Epifania della Verità * di Filiberto Dal Molin

Al Politecnico di Torino è stato annullato il grande Convegno “Poli-covid-22 salute, scienza e società alla prova della pandemia” per un bilancio scientifico sui...

CortinAteatro, un inverno spettacolare a Cortina d’Ampezzo

La rassegna, promossa e sostenuta dal Comune di Cortina D’Ampezzo e organizzata da Musincantus, torna all’Alexander Girardi Hall con un ricco cartellone per il...

Misurina, Istituto Pio XII. Zanoni (PD): “Regione scongiuri la chiusura”

"La perdita di questo punto di riferimento sanitario per bambini e adolescenti affetti da malattie respiratorie sarebbe pesantissima. L'Istituto Pio XII di Misurina è...

Come la moda crea cultura e innovazione: arte, design, chimica e meccatronica protagonisti del 5° Mastertech di Verona

Verona, 25 novembre 2022 – L’industria del Tessile, Moda e Accessorio Made in Italy è un asset strategico per il Paese non solo per...
Share