13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Silvio Pellico, duecento anni fa allo Spilberg. Tazzer ha presentato il suo...

Silvio Pellico, duecento anni fa allo Spilberg. Tazzer ha presentato il suo libro Pellico nella Sala Ogilvy della fortezza

La fortezza dello Spilberg

Duecento anni fa a Venezia veniva emessa la sentenza con la quale Silvio Pellico veniva condannato a morte, pena condonata dall’imperatore Francesco I d’Austria a 15 anni di carcere duro da scontare nella fortezza dello Spielberg, in Moravia (Repubblica Ceca).

Pellico vi giunse dopo due settimane di viaggio, assieme al compagno di Carboneria e di sventura Piero Maroncelli.
Arrestato a Milano nell’ottobre 1820, venne tradotto a Venezia, dove agiva il giudice istruttore Antonio Salvotti, trentino, incaricato di sventare ogni congiura, punita come tradimento dal codice penale austriaco del 1803. L’Austria era infatti divenuta paese dominante, dopo la caduta del napoleonico Regno d’Italia. Salvotti aveva già fatto condannare i carbonari polesani, e quindi prima contro Pellico e Maroncelli, poi contro i carbonari lombardi del conte Confalonieri ebbe compito facile, concluso con pene capitali, condonate da Francesco I in lunghe pene detentive al carcere duro, vuoi nel Castello di Lubiana, vuoi nella Fortezza dello Spielberg, in Moravia. Questo venne considerato, dai ribelli all’Austria (ungheresi, italiani, polacchi) il Kerker der Völker, carcere dei popoli. Pellico, in catene, vi rimase dall’aprile 1822 all’agosto 1830, quando fu graziato dall’imperatore d’Austria.

Una detenzione al limite dell’esistenza, durante la quale Pellico ritrovò la fede cattolica, dopo una gioventù trascorsa negli ideali illuministi e anticlericali.
Ritornato libero nel natio Piemonte, osservato con sospetto dal potere sabaudo, fu spinto alla scrittura delle sue memorie dal vecchio confessore. Nacquero così Le mie prigioni, il best seller italiano dell’Ottocento, che dece – disse il cancelliere imperiale von Metternich – più male all’Austria di una battaglia perduta. Riportò nel testo la vicenda drammatica di una parte significativa della sua esistenza, dall’arresto a Milano, all’istruttoria ed alla condanna a Venezia, alla carcerazione nello Spielberg. Il libro fu considerato dai clericali reazionari un malvagio libello, mentre i liberali lo criticarono come un testo debole, arrendevole, troppo cattolico. Le mie prigioni, tradotto anche all’estero, ebbe più notorietà del manzoniani promessi sposi, aiutando anche le classi meno istruite a comprendere gli ideali di libertà e di indipendenza che furono la spina dorsale del Risorgimento italiano.

A duecento anni dalla condanna a Venezia e dalla carcerazione nella Fortezza dello Spielberg (Špilberk), le autorità cittadine di Brno e regionali della Bassa Moravia hanno organizzato tre giorni italiani, gli Italské dni na Špilberku, caratterizzati dalla deposizione di corone di fiori nei diversi memoriali dei patrioti italiani da parte dell’ambasciatore d’Italia in Repubblica ceca, Mauro Marsili, e dalla sindaca di Brno, Markéta Valkova. Nel museo dello Spielberg è stato inaugurato anche un nuovo allestimento espositivo dell’ala carceraria.

Il giornalista e scrittore Sergio Tazzer ha presentato, nella Sala Ogilvy dello Spielberg, il suo libro Pellico. Turista per forza. In viaggio tra le prigioni di mezza Europa, edito da Kellermann, accolto con grande favore, inizio di una tournée in Italia ed all’estero, per rammentare le origini difficili e tormentate del pensiero nazionale italiano.
Fame, durezza carceraria in catene, malattie che studiosi recenti hanno messo in collegamento con quelle sofferte nei Lager tedeschi della seconda guerra mondiale, momenti di solidarietà degli stessi carcerieri con i prigionieri, la vicenda della amputazione della gamba di Pietro Maroncelli, che alla fine donò al barbiere-chirurgo l’unico bene che possedeva: una rosa.

Quando, la sera dell’1 agosto 1830 Silvio Pellico venne liberato e scese, senza catene e avvolto in un pastrano militare, fu accolto a Brno da «un bellissimo lume di luna. Le strade, le case, la gente che incontravano, tutto mi pareva sì gradevole e sì strano, dopo tanti anni che non aveva più veduto simile spettacolo».

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share