13.9 C
Belluno
mercoledì, Dicembre 7, 2022
Home Prima Pagina Le discriminazioni e le molestie nei luoghi di lavoro. Due seminari rivolti...

Le discriminazioni e le molestie nei luoghi di lavoro. Due seminari rivolti alle Rsu aziendali

Flavia Monego – Consigliera di parità della Provincia

Flavia Monego: «Formazione e informazione indispensabili per costruire una vera società inclusiva»

“Le discriminazioni e le molestie nei luoghi di lavoro”. È questo il titolo di una mini-rassegna di seminari organizzati dalla consigliera di parità della Provincia di Belluno Flavia Monego in collaborazione e sinergia con i sindacati (Cgil, Cisl e Uil).

«Un’iniziativa rivolta alle Rsu aziendali – spiega Monego – per coltivare una cultura diversa della parità di genere, a partire dai luoghi di lavoro. Infatti, nonostante negli ultimi anni si sia parlato molto di pari opportunità, e la normativa si sia arricchita di importanti strumenti antidiscriminatori, le discriminazioni di genere e il divario di genere persistono, anche in Italia e anche in provincia di Belluno. Con questi seminari intendiamo mettere in rete tutti i soggetti che possono favorire una maggiore cultura di uguaglianza e rispetto della legge, e quindi un’attiva ed efficace collaborazione tra la consigliera di parità e le organizzazioni sindacali. Il percorso formativo è finalizzato a far chiarezza sui concetti di discriminazione di genere e molestie, i quali ricomprendono fattispecie e casistiche talvolta non di facile individuazione; ma anche implementare le conoscenze sul tema e quindi fornire strumenti utili a promuovere all’interno delle aziende la diffusione di buone pratiche. È importante dare gli strumenti per individuare e risolvere i problemi, a partire dalle Rsu, primo baluardo di difesa dei diritti dei lavoratori e primo punto di riferimento».

I SEMINARI

Due i seminari organizzati all’interno della mini-rassegna, entrambi dalle 8.30 alle 12.30 nell’aula magna dell’istituto Segato di Belluno (in piazza Piloni), introdotti dalla consigliera di parità e dai rappresentanti delle sigle sindacali. Il primo giovedì prossimo (28 aprile) con l’intervento di Davide Piol (vice presidente di Confindustria Belluno Dolomiti) e dell’avvocata Sabrina Bellumat, che tratterà il tema delle “Discriminazioni e molestie sul luogo di lavoro: strumenti di tutela e prevenzione”. Il secondo seminario invece è in programma giovedì 12 maggio con gli interventi di Cinzia Teodoro (ispettorato del lavoro) e Lucia Basso (esperta in contrattazione, politiche di genere e pari opportunità) che spiegheranno il ruolo delle Rsu.

 

DISCRIMINAZIONE E VIOLENZA DI GENERE IN PROVINCIA

Il Bellunese non è esente dal problema della violenza di genere. «Da quando sono consigliera di parità, mi sono occupata di casi che variano dalla discriminazione di genere, alla violenza fino allo stalking» spiega Flavia Monego. «Mi sono occupata anche di persone che si sono rivolte a me per discriminazione sull’orientamento sessuale».

«Il 65% delle donne in Italia ha subito molestie o discriminazioni. Normalmente è la parte più forte che molesta o discrimina la parte più debole, e la conseguenza è il senso di vergogna da parte di chi subisce. Quindi bisogna parlarne, perché il sentimento della vergogna va scardinato all’origine» afferma Denise Casanova (Filctem Cgil), insieme a Mauro De Carli (Cgil) e Stefano De Bona (Fiom). «Porto ad esempio due casi bellunesi, di cui uno che ho seguito direttamente, che ha portato al licenziamento del molestatore. Un caso positivo perché dimostra che si può difendersi e avere giustizia. Il secondo caso invece rappresenta una molestia perpetrata nel tempo, con ingenti danni fisici subiti dalla lavoratrice, la quale alla fine – mal consigliata – ha rinunciato a posto di lavoro. Due casi contrastanti, figli della paura, con esiti diversi. Ecco perché è importante una iniziativa come quella portata avanti dalla consigliera di parità».

Sull’importanza dei seminari formativi è d’accordo anche Milena Cesca (Femca Cisl), insieme a Teresa Merotto e Alessia Salvador (coordinamento Cisl): «C’è una cultura nel nostro Paese che è malata: spesso si fa fatica a capire il confine tra la battuta e situazioni pesanti che vanno a ledere la dignità delle persone. Soltanto attraverso la formazione si riesce a scardinare il sistema. Tra l’altro, la percezione è che negli ultimi due anni, complice il Covid, i casi di molestie siano aumentati. Si tratta di casi che si prolungano da tempo, vengono alla luce dopo essere stati sottaciuti per anni. Il primo obiettivo quindi è la prevenzione».

L’aumento dei casi è rilevato anche dalla Uil. «Nei primi quattro mesi del 2022 abbiamo già registrato tre casi che si sono rivolti a noi – spiega Sonia Bridda (Coordinamento pari opportunità Uil) -. Si tratta di casi di violenza verbale su due ragazze e un ragazzo, bersagliati dal datore di lavoro. Tre casi in quattro mesi è un dato importante da tenere sotto controllo».

Share
- Advertisment -

Popolari

Scherma storica. Argento al Trofeo Ducale 2022 di Parma

Scherma Storica Dolomiti sul secondo gradino del podio in Spada a Due Mani Lo scorso fine settimana (3-4 dicembre) due atleti di ASD Scherma Storica...

Nuoto. Trofeo Città di Belluno: un grande successo dentro e fuori dall’acqua

Grazie a uno splendido, armonioso ed efficace gioco di squadra, la Sportivamente Belluno manda in archivio con successo quella che è ormai diventata la...

Settantamila euro dalla Regione per la bonifica al campo sportivo di Castion

La Regione stanzia 70mila euro per la bonifica al campo sportivo di Castion. Il sito contaminato dagli idrocarburi sarà bonificato con un contributo eccezionale. “Avevamo...

Poste italiane assume in Cadore

Belluno, 6 dicembre 2022 – Poste Italiane prosegue la ricerca di personale da inserire nel proprio organico negli uffici postali e di recapito del...
Share