13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 14, 2021
Home Cronaca/Politica Anas-Veneto Strade. La Provincia cede le quote e parte della viabilità. Padrin:...

Anas-Veneto Strade. La Provincia cede le quote e parte della viabilità. Padrin: “Ossigeno alle casse di Palazzo Piloni”. Ma Luchetta chiede ancora una poltrona in Veneto Strade 

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

«Nel progetto di nuova gestione della viabilità che vedrà insieme Anas e Veneto Strade, non possiamo perdere di vista il fatto che le strade sono una risorsa, soprattutto per un territorio di montagna. Per questo è necessario che con il futuro ingresso di Anas in società con Veneto Strade, che auspichiamo, prosegua senza soluzione di continuità quella gestione efficace che finora ha assicurato strade sicure ai bellunesi».

È quanto afferma il presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin relativamente alla riclassificazione di alcuni tratti della viabilità provinciale e al progetto strategico definito dalla Regione Veneto con Anas.

«Un percorso che è stato avviato dalla Regione nel 2018, e che avevamo facilitato, cedendo parte delle nostre quote di Veneto Strade – spiega il presidente Padrin -. Anche nella consapevolezza che senza i trasferimenti di risorse dallo Stato dedicate alla viabilità non potevamo più andare avanti come abbiamo fatto negli ultimi anni. Ricordo che i trasferimenti statali, che ammontavano a 15 milioni di euro l’anno, sono stati azzerati nel 2014, costringendo la Provincia a equilibrismi pericolosi per finanziare la gestione della viabilità, comprese le strade ex Anas. Ora questa operazione libera risorse e darà ossigeno al bilancio della Provincia. Ma ci preme che la gestione della viabilità non subisca scossoni e possa andare avanti nel solco della continuità, con la professionalità sempre assicurata da Veneto Strade».

Fabio Luchetta

«Le strade in montagna sono una risorsa imprescindibile, perché consentono alle persone di muoversi da una vallata all’altra e ai turisti di arrivare da noi – aggiunge il consigliere provinciale delegato alle infrastrutture, Fabio Luchetta -. Per questo crediamo che la forma o le modalità societarie del gestore della viabilità non sia importante; importante e fondamentale è che ci sia la garanzia di manutenzioni ordinarie e straordinarie, e che ci sia un piano industriale che prevede investimenti mirati e definizione delle priorità. Questo è quello che serve al territorio. In questo senso contiamo che nella nuova compagine societaria ci sia posto per Belluno, visto che dopo aver agevolato l’operazione cedendo parte delle sue quote di Veneto Strade alla Regione Veneto, la Provincia non ha più avuto rappresentanti in seno alla società. Auspichiamo che in questa compagine faccia parte del cda un esponente nominato dalla Provincia, anche per rispettare la volontà di chi nel 2017 aveva votato per l’autonomia del Veneto e della provincia di Belluno».

Share
- Advertisment -

Popolari

ACC. Ostanel: “Sono al fianco dei lavoratori, per il bene di tutto il Bellunese e nel silenzio delle istituzioni regionali”

"Oggi ho incontrato i lavoratori della ACC che da lunedì, senza interrompere la produzione, sono in presidio davanti alla Prefettura. Hanno rivolto alla politica...

Giovedì 15 aprile evento online di Dolomiti Hub. Protagonista Tib Teatro con il progetto Casa delle Arti di Belluno

Per il mese di aprile Dolomiti Hub, lo spazio di innovazione sociale di Fonzaso, ha in programma un denso palinsesto di appuntamenti online. Dopo...

Mariano Savastano è il nuovo prefetto di Belluno. D’Incà: “Grazie a Sergio Bracco per il lavoro svolto”

"Il dottor Mariano Savastano sarà il nuovo Prefetto di Belluno. A lui rivolgo i migliori auguri di buon lavoro e di una proficua collaborazione...

No paura day. Sanzionati dalla polizia altri 24 partecipanti alla manifestazione dello scorso 5 aprile

Belluno, 14 aprile 2021 - L'esame dei filmati effettuati dalla Polizia scientifica alla manifestazione "No paura day" del 5 aprile a Belluno, ha consentito...
Share