13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Sì alla delega volontaria per imprese e lavoratori per il finanziamento del...

Sì alla delega volontaria per imprese e lavoratori per il finanziamento del Fondo Welfare. De Biasi: «La solidarietà può farci superare questo momento di crisi economica e rilanciare le politiche anti-spopolamento»

Francesca De Biasi, assessore al Comune di Belluno e presidente del Fondo Welfare

Primo incontro del 2021, venerdì pomeriggio, per il Fondo welfare e identità territoriale. E prima novità. È stato infatti raggiunto l’accordo tra sindacati (Cgil, Cisl e Uil) e categorie datoriali (Confindustria in testa) per finanziare il fondo in maniera strutturale, attraverso le donazioni dei lavoratori e delle imprese. Nelle prossime settimane, i sindacati e le imprese provvederanno a una informazione puntuale e dettagliata.

«Di fatto, i lavoratori potranno scegliere di versare direttamente dalle loro buste paga una piccola cifra mensile al Fondo – spiega la presidente del Fondo Welfare, Francesca De Biasi -. Si tratta di una scelta su base volontaria, che al momento sarà proposta principalmente alle imprese e ai lavoratori dei settori che non hanno risentito in maniera pensate delle conseguenze da Covid. L’ottica è sempre quella della solidarietà, per cui chi ha uno stipendio sicuro e non intaccato dalla crisi economica aiuta i lavoratori e le famiglie che invece stanno soffrendo. Ringrazio i sindacati e il direttore di Confindustria Belluno Dolomiti, Andrea Ferrazzi, per questo accordo che punta a rendere il territorio più forte, perché la logica è di contrastare lo spopolamento attraverso uno strumento – il Fondo – in grado di autosostenersi».

I componenti del Fondo Welfare hanno avuto anche l’occasione di rendicontare l’iniziativa #AiutiamociBelluno, avviata con la collaborazione del Comitato d’Intesa per raccogliere fondi a favore delle famiglie colpite dal Covid e dal lockdown. «Nel conto corrente abbiamo a oggi 45mila euro, frutto delle donazioni dei bellunesi e dell’aiuto della diocesi Belluno-Feltre che ringraziamo sentitamente per lo spirito con cui hanno collaborato – conclude De Biasi -. Stiamo mettendo a punto un bando e un avviso, che usciranno entro la fine di febbraio. Serviranno per la destinazione di queste risorse alle persone in difficoltà, attraverso i due ambiti di Belluno e Feltre e i Comuni della provincia».

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share