13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Cronaca/Politica Rieccoli, sedicenti addetti Enel, porta a porta, in azione a Cusighe

Rieccoli, sedicenti addetti Enel, porta a porta, in azione a Cusighe

Belluno, 13 gennaio 2020 – Non hanno nessun tesserino di riconoscimento. Un ragazzo e una ragazza suonano alla porta presentandosi come incaricati Enel o Enel Energia, dicendo di dover consegnare dei moduli per l’aggiornamento del contatore. Poi chiedono quale sia l’attuale fornitore, se i consumi sono addebitati in bolletta per fasce orarie.

Nel pomeriggio di oggi la loro presenza è stata segnalata a Cusighe (Belluno), e probabilmente proseguiranno nei prossimi giorni il loro tour nel Bellunese, cercando di far firmare i moduli “per aggiornamento del contatore” che in realtà altro non sono che un contratto non richiesto per il cambio del fornitore di energia.

Il tutto, ovviamente, all’insaputa dell’utente, che si ritrova con l’attivazione di un contratto  non richiesto acceso tramite intermediari spregiudicati.

Generalmente, questi sedicenti agenti, chiedono di verificare le fasce orarie del contatore cercando anche di accedere fisicamente al contatore elettronico per impossessarsi dei dati sensibili.

Il consiglio, dunque, è quello di non firmare moduli né permettere l’accesso al contatore. E tanto meno consegnare somme di denaro per il pagamento di ipotetici servizi.

Oltre a segnalare la presenza di questi “addetti” alle Forze dell’ordine.

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share