13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 25, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Monitoraggio del lupo. Diffida al Cai dagli allevatori e dei proprietari delle...

Monitoraggio del lupo. Diffida al Cai dagli allevatori e dei proprietari delle malghe

Le associazioni Salvaguardia Rurale Veneta e Proprietari Malghe e terreni della Lessinia,il Comitato Salvaguardia Allevatori della Provincia del VCO ,unito ai gruppi “Valligiani ed Alpigiani”, “Proteggiamo la montagna” delle valli Ossola e Strona alla luce delle iniziative collegate al monitoraggio della specie lupo (Canis Lupus) su territorio nazionale, gestita da Life Wolf Alps con il supporto di CAI (Gruppo Grandi Carnivori) e coordinato da ISPRA, si rilevano le seguenti criticità:

  • accesso a terreni privati (gran parte delle aree frequentate dal lupo non sono pubbliche), senza specifica autorizzazione da parte di proprietari e conduttori (Art .637 c.p. );
  • grossi rischi in ordine alla sicurezza per il transito di persone terze su territori aspri al di fuori di sentieri e passaggi pubblici.
  • installazione di fototrappole/videotrappole su aree private o con visione sulle stesse, senza autorizzazione, con conseguente violazione di normativa sulla privacy (Art.13 d.gl.n.196/2003)
  • inadeguata e insufficiente formazione degli operatori incaricati al monitoraggio, rispetto agli alti standard che vengono utilizzati per qualsiasi altro selvatico.

A tal proposito segnaliamo la competenza, conoscenza del territorio, capillarità dell’organizzazione territoriale, impegno formativo preparatorio e continuativo nonché un’adeguata formazione gestionale, messa in campo dalle associazioni del mondo venatorio.

Sotto questo aspetto non condividiamo la presa di posizione da parte di ISPRA, nell’appoggiare il CAI in quello che è un delicato e discusso monitoraggio della specie lupo su scala nazionale, in quanto non riteniamo personale idoneo a tale proposito.

Non approviamo le attuali tecniche di monitoraggio (Wolf howling e Snow tracking) in quanto inaffidabili e di molteplice interpretazione.

Alla luce di quanto detto, le suddette associazioni, proibiscono/diffidano a mettere in atto le iniziative di monitoraggio e fototrappolaggio della specie lupo (canis lupus)negli Alpeggi,terreni e malghe Private o in concessione di affitto della Lessinia Veronese e Lessinia Trentina , Alpeggi di Belluno e Provincia del Verbano-Cusio-Ossola senza regolare autorizzazione del proprietario e/o affittuario.

Share
- Advertisment -



Popolari

Elettrodotto. Vendramini: “Se il progetto iniziale verrà disatteso, siamo pronti a rivolgerci alla Procura”

Un report emerso dalla Provincia rimette in discussione il piano di "Razionalizzazione e sviluppo della RTN nella media valle del Piave".  E le amministrazioni...

Nevegal. Massaro: “Gli impianti potranno essere trasferiti al Comune solo se si troverà un gestore”

La società aggiudicataria, Paragon Business Advisors di Zola Predosa, ha presentato lo studio sul Nevegal che gli era stato commissionato dal Comune di Belluno,...

Identificato l’autore del danneggiamento della targa intitolata a Loris Tormen in via Sottocastello

E' un 19enne di Belluno, incensurato, il giovane che nella serata di sabato in via Sottocastello in centro città (nella foto), sotto l'effetto dell'alcol,...

Longarone Fiere riparte all’insegna della sicurezza. Successo per i due eventi di settembre, Reptiles Day e Fiera&Festival delle Foreste 

Un’attesa ripartenza per Longarone Fiere che si caratterizza per essere positiva, sia per gli ottimi risultati numerici che per l’efficienza delle misure di sicurezza...
Share