13.9 C
Belluno
sabato, Maggio 15, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti A casa di Dino. Martedì al Fulcis il secondo appuntamento con Camanni...

A casa di Dino. Martedì al Fulcis il secondo appuntamento con Camanni e Dell’Agnola

 

Palazzo Fulcis, sede del Museo civico di Belluno

Giovedì 2 luglio alle ore 18.30 nel cortile del Museo Civico di Palazzo Fulcis a Belluno, si terrà il secondo appuntamento della rassegna “A casa  di Dino”. Enrico Camanni e Manrico Dell’Agnola, due amici, due alpinisti a confronto: riflessioni su montagne, pareti e paure.
Conduce Mirta Amanda Barbonetti.

Enrico Camanni e Manrico Dell’Agnola, due uomini dai vissuti personali diversi, ma accomunati dell’irresistibile richiamo esercitato da sempre dalla montagna. Una montagna vissuta come superamento delle paure, dalla cui valenza onirica si possono trarre ispirazioni. I due protagonisti racconteranno la loro Montagna, non solo alpinistica, ma soprattutto interiore, fatta di psicologia ed etica, dove la paura fa parte integrante del gioco, una paura che la Montagna stessa oggi vive e che sembra portarla a ribellarsi all’azione dell’uomo.
Il tema fondante sarà il coraggio, il coraggio di affrontare i propri limiti e le proprie paure.

Enrico Camanni.  Nato a Torino nel 1957, è approdato al giornalismo attraverso l’alpinismo. È stato caporedattore della Rivista della Montagna e fondatore-direttore del mensile “Alp” e del semestrale internazionale “L’Alpe”. Ha scritto molti libri sulla storia e la letteratura delle Alpi e dell’alpinismo (tra cui “La nuova vita delle Alpi”, Bollati Boringhieri 2002, “Alpi ribelli”, Laterza 2016, “Storia delle Alpi”, Biblioteca dell’Immagine 2017) e sei romanzi ambientati in diversi periodi storici. L’ultima fatica è proprio del 2020, “Una coperta di neve” edito da Mondadori. Collabora con “La Stampa”. Si è dedicato ai progetti espositivi con la direzione scientifica del “Museo delle Alpi” al Forte di Bard, del museo interattivo del Forte di Vinadio e del rinnovato Museo della Montagna di Torino. È presidente di Sweet Mountains.

Manrico Dell’Agnola. Nato ad Agordo nel 1959, ha all’attivo circa un migliaio di salite, fra cui 30 vie nuove e numerose prime italiane. Si è specializzato nell’arrampicata veloce, sia in cordata sia in solitaria, spesso slegato. La sua esperienza alpinistica spazia dall’Europa, all’America, Asia ed Africa. Ha anche effettuato la traversata da E a O della Groenlandia e la traversata parziale da N a S dello Hielo Patagonico Sur. Di professione fotografo, videomaker e creativo pubblicitario, collabora con riviste e aziende. È Accademico del CAAI (Club Alpino Accademico Italiano). La sua prima opera autobiografica, “Uomini fuori posto”, ha riscosso un notevole consenso ed è stata ripubblicata, con parti inedite, a dicembre 2019. Nel 2019 ha scritto e diretto il cortometraggio “Donnafugata”, girato sulla Torre Trieste, in Dolomiti, che è entrato a far parte delle 28 opere di alpinismo selezionate per la 67°edizione del prestigioso e storico Trento Film Festival e che è stato premiato al Verona Mountain Film Festival 2020 ed ha vinto il Milano Mountain Film Festival 2019. A gennaio 2020 ha fatto parte di una spedizione scientifico-esplorativa nella Penisola Antartica, in cui sono state realizzate due vie alpinistiche su cime vergini.

Share
- Advertisment -

Popolari

Il Tribunale di Belluno respinge il ricorso degli operatori sanitari collocati in ferie forzate perché si erano opposti alla vaccinazione

Con ordinanza n.328 ex art. 669 terdecies CPC del 6 maggio 2021 il Tribunale di Belluno, presidente del Collegio il dottor Umberto Giacomelli, respinge...

Fondo Ambiente Italiano. Gemellaggio tra il Fai Giovani di Belluno e quello di Bolzano per scoprire il rispettivo patrimonio di storia e arte

Non sempre tra Belluno e Bolzano si creano rivalità e competitività: un valido e significativo esempio di collaborazione e dialogo viene dai volontari dei...

Tib Teatro non si è arreso. Investimenti, tenacia e lavoro in tempo di pandemia. E nuovi importanti riconoscimenti

Belluno, 14 maggio 2021 - "Un anno e mezzo di pandemia, teatri chiusi, ferma la tournée dei nostri spettacoli, ferma la stagione Comincio dai...

Quattro eventi a Seravella per la “Rassegna delle rose 2021”. Deola: «Iniziative culturali e valorizzazione del territorio per uscire dalla crisi Covid»

È tutto pronto al Museo etnografico della Provincia per la "Rassegna delle rose 2021". Quattro eventi, fino all'inizio di giugno, che ruoteranno attorno allo...
Share