13.9 C
Belluno
domenica, Gennaio 17, 2021
Home Cronaca/Politica Mascherine della Regione Veneto: prime consegne a uffici pubblici e strutture sanitarie

Mascherine della Regione Veneto: prime consegne a uffici pubblici e strutture sanitarie

Belluno, 23 marzo 2020  –  È arrivata nei giorni scorsi la prima fornitura delle mascherine realizzate da Grafica Veneta e distribuite dalla Regione Veneto alle province e, da qui, ai comuni.
Oltre 7000 quelle arrivate già impacchettate al Comune di Belluno, in confezioni da 25 e 50 pezzi: già avviata la consegna delle prime dotazioni ai volontari (protezione civile, Croce Rossa,…), alle strutture sanitarie come la casa di riposo Gaggia Lante, il centro diurno di Cusighe, “Casa Polit”, e agli uffici pubblici che si relazionano con l’utenza esterna.

«Abbiamo organizzato la distribuzione in tre fasi: la prima è finalizzata a rifornire il personale in prima linea, i luoghi dove vengono accudite le fasce più deboli come gli anziani in struttura e i malati, – spiega il sindaco Jacopo Massaro – e gli uffici maggiormente a contatto con il pubblico, dove è importante elevare al massimo gli standard igienico-sanitari. Nonostante la richiesta di utilizzare mail o telefono per le necessità, infatti, alcune pratiche necessitano ancora della presenza fisica della persona su appuntamento: per questo, è necessario mettere a disposizione sia dei dipendenti che dei visitatori le mascherine e il gel disinfettante, per tutelare la salute di entrambi Siamo partiti da queste realtà perché sono quelle che ogni giorno affrontano il rischio contagio».

La seconda e la terza fase, invece, richiederanno qualche giorno in più: «Il problema è legato al confezionamento: non possiamo distribuire pacchi da 50 mascherine alle famiglie, perché non ce ne sarebbero a sufficienza, e dobbiamo allo stesso tempo rispettare la igiene del prodotto. – continua Massaro – Per questo, abbiamo attrezzato un locale il più possibile sterile a Marisiga, e abbiamo individuato del personale che, dotato di tute, guanti e maschere sterili, procederà allo spacchettamento e all’imbustamento singolo».

La seconda fase della distribuzione riguarderà le fasce deboli della popolazione e «avverrà attraverso il Comitato d’intesa, cui abbiamo chiesto la collaborazione nell’individuare le associazioni di volontariato che si occupano prioritariamente di anziani e malati, di stilarci una lista delle loro necessità; già oggi, ad esempio, i volontari dell’ABVS verranno dotati della mascherina. – continua il sindaco -. Infine, terminata questa fase, verrà organizzata la distribuzione al resto della popolazione, presumibilmente chiedendo la collaborazione alle attività commerciali ancora in attività dopo gli ultimi decreti. Quando daremo il via a questa terza fase, comunicheremo tempi e modalità alla popolazione».

Infine, una annotazione di carattere tecnico: occorre ricordare che le mascherine filtranti fornite dalla Regione del Veneto non sono un dispositivo chirurgico, né un Dispositivo di protezione individuale, e non garantiscono la protezione dei suoi utilizzatori dal contagio di agenti patogeni, né il mancato contagio da agenti patogeni a soggetti terzi.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sopralluogo nelle ski aree. Bortoluzzi e De Toni: «Il sistema è in sofferenza. Per questo abbiamo varato la manovra da 500mila euro per gli...

Il turismo invernale è in netta difficoltà. E la Provincia ha voluto verificare la situazione. Nei giorni scorsi, i consiglieri provinciali Danilo De Toni...

Nevicate eccezionali. Vitturi (Lav): “Si sospenda immediatamente la caccia”

“Chiediamo al presidente Zaia un rapido intervento per mettere in sicurezza gli animali sospendendo immediatamente la caccia nelle province interessate dall’emergenza ambientale – dichiara...

Feltre, cestini e cassonetti rifiuti. Forlin: “Insufficienti nel numero e per celerità di svuotamento”

"E’ datata 02/04/2018 l'interpellanza presentata dalla sottoscritta alla attuale amministrazione con la richiesta di implementazione dei cestini presenti in città di Feltre, sia per...

Accordo Enel-Provincia. Vivaio: “Dieci anni di incontri e manifestazioni stanno iniziando a dare qualche risultato”

Dopo anni di battaglie sembra si stia prendendo la direzione giusta. L'accordo Enel-Provincia si sta indirizzando nel verso giusto, con un piano di manutenzione...
Share