13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeArte, Cultura, SpettacoliAppuntamentiQuarta giornata del festival, nuovo inizio di settimana e la magia di...

Quarta giornata del festival, nuovo inizio di settimana e la magia di Lago Film Fest sotto il cielo di Revine Lago continua!

È terminato il weekend di inaugurazione di Lago Film Fest con un’ottima partecipazione di pubblico e inizia ora la nuova settimana che si prospetta ricca di iniziative ed eventi.

Ad aprire la finestra del Lago Film Fest sul mondo, per il quinto anno consecutivo, c’è Lago Live Radio, diretto da Guido Beretta, che racconta in tempo reale (Radio Belluno, in streaming e poi podcast) ospiti, artisti e contenuti del festival. Ad affiancare Guido Beretta alla conduzione ci saranno Manuela Morana, Mary Stella Brugiati e Alessandro Bosi.
Proseguono gli incontri con gli autori e le proiezioni serali dei corti in concorso. All’interno della sezione Internazionale questa sera si avrà il piacere di assistere alla proiezione del corto It’s not Custard di Kate McCoid (Gran Bretagna, 2018, 6’ 24’’). La regista, originaria dalla Gran Bretagna, ha lavorato molto nella post produzione e sugli effetti visivi di lungometraggi come Far From The Madding Crowd, Edge Of Tomorrow, Man From UNCLE e
programmi TV come come il tabù di Tom Hardy e Ridley Scott. In questo campo l’ultimo suo lavoro è il noto film Pokémon – Detective Pikachu di Rob Letterman, grande successo di pubblico uscito nel maggio 2019.
Nella sezione Nazionale segnaliamo invece il corto Si sospetta il movente passionale con l’aggravante dei futili motivi (Italia, 2018, 16’17’’) di Cosimo Alemà, considerato il più importante regista italiano di video musicali e negli ultimi 20 anni. Ha diretto oltre 600 videoclip (lavorando con artisti italiani e internazionali come Ligabue, Skin, Gianna Nannini, Tiziano Ferro, Subsonica, Nelly Furtado, Fedez, Afterhours, Pooh, Delta V, Mina e molti altri) e
numerosi spot pubblicitari vincendo premi come il prestigioso Key Director’s Award. Dopo aver realizzato tre lungometraggi per il cinema (“At the end of the day”, “La Santa”, “Zeta”), sta girando la serie tv “A un passo dal cielo 5”. Il suo cortometraggio “Si sospetta il movente passionale con l’aggravante dei futili motivi” è stato presentato in anteprima mondiale alla
75esima Mostra del Cinema di Venezia come evento speciale alla Settimana Int. della Critica.
Tra i molti focus tematici presenti nel programma, si inaugurerà HABIBI: AN ARAB KIND OF LOVE, il progetto dedicato al cinema arabo contemporaneo che indaga il tema universale dell’amore. Si tratta di un approccio nuovo alla narrazione sul mondo arabo, un progetto di traduzione culturale che guarda all’amore e alla gioia di vivere da punti di vista e angolazioni inaspettate. Come ci tiene a precisare la curatrice della sezione, Marta Della Libera, la quale
ha compiuto studi sul Medio Oriente all’Università Ca’ Foscari di Venezia e ha conseguito una specializzazione a Londra in antropologia e in diritto islamico, i film non trattano il tema amoroso in modo romantico ma in tutti i suoi molteplici aspetti. Ecco che attraverso lo schermo, tra le tante storie, si diventerà testimoni della vita di coppia di due anziani ottantenni che vivono nella loro pacifica casa tra le difficoltà che comporta la senilità, la
convivenza insieme e la ricerca di compagnia al di fuori delle mura domestiche (Affability di Ahmwd Neder, Egitto, 2017, 22’); delle strategie messe in atto da una coppia palestinese che vuole avere un figlio ma impossibilitata perché il marito è rinchiuso in carcere (Bombonè di Rakan Mayasi, Palestina, Libano, 2017, 22’); della storia della ventiseienne Hajar sposata con un uomo d’affari di 65 anni (When the Night Comes di Youssef Michraf); la protagonista
Leila, madre di Youssef diversamente abile, che di nuovo incinta decide di abortire senza che il marito lo sappia (Leila’s Blues di Ismaël e Fateme Ahmadi, Tunisia, Francia, 2018, 18’); delle vicissitudini di Karim, in esilio ad Algeri, che vive di piccole e grandi truffe. In questa prigione a cielo aperto, il rito matrimoniale è usato come mezzo per raggiungere i propri
biechi scopi (Un jour de mariage di Elias Belkeddar, Francia, Algeria, 2018, 14’).
Da lunedì 22 a mercoledì 24 luglio nel pomeriggio, a partire dalle 16, si terranno i BAREFOOT INDUSTRY DAYS, un programma speciale di tre giorni dedicato ai professionisti del mondo cinematografico. Tre giornate di eventi in cui affronteremo il processo di sviluppo di un progetto audiovisivo, dalla sceneggiatura alla produzione, per poi soffermarci sulla distribuzione e circolazione presso i diversi festival cinematografici; dai pitch dei finalisti del
Premio Sonego agli incontri one-to-one sui pedalò, per poi incontrare diverse realtà come film commission, produzioni e festival, questi i protagonisti delle giornate con l’obiettivo di stimolare connessioni e generare nuove occasioni di incontro attraverso attività di networking.

Il programma di lunedì 22 luglio 2019

- Advertisment -

Popolari