13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 9, 2021
Home Cronaca/Politica Autonomia. De Menech: Se Zaia firma il pre-accordo a Roma non ci...

Autonomia. De Menech: Se Zaia firma il pre-accordo a Roma non ci sono più attenuanti al trasferimento delle deleghe, funzioni e competenze e risorse alla provincia di Belluno 

Roger De Menech, deputato Pd

Belluno, 27 Febbraio 2018 _ «Se domani Luca Zaia si presenterà a Roma per firmare con il Governo il pre accordo sull’autonomia, la Regione Veneto non avrà più una sola attenuante nell’applicazione della riforma Delrio, della legge 25, dello statuto regionale e del referendum del 22 ottobre scorso. Chiediamo subito il trasferimento di deleghe, funzioni, competenze e risorse alla Provincia di Belluno». Il deputato bellunese Roger De Menech ricorda come «i primi e unici risultati concreti sull’autonomia bellunese, frutto di un disegno organico, vanno invece ricondotti all’ultimo quinquennio e provengono tutti dal livello nazionale».

Con la riforma degli enti locali, le uniche tre Province ad acquisire nuove competenze sono state Belluno, Sondrio e Verbania. L’ultima legge di bilancio ha già ripristinato alla Provincia di Belluno parte dei fondi tagliati negli anni passati. «Probabilmente non è sufficiente», nota De Menech, «ma di certo siamo di fronte a un’inversione di tendenza significativa».

A queste risorse si aggiungono le previsioni del Fondo Comuni Confinanti: «Prima che noi andassimo al governo la gestione del Fondo era completamente estranea ai Bellunesi. Oggi invece esprimiamo il presidente del Comitato paritetico e la Provincia di Belluno siede al tavolo con diritto di voto», afferma il deputato.

Se la Regione Veneto facesse la sua parte, continua De Menech, «potremmo uscire dall’emergenza e cominciare a programmare insieme la politica economica, sociale e culturale per rendere attrattivo il nostro territorio non solo ai turisti ma soprattutto a lavoratori e imprese. Questo è il vero problema oggi.

Nei prossimi 5 anni lavoreremo su tre filoni: 1) rendere permanenti le misure di compensazione attivate, Fondi di Confine, ex Fondo Letta e Fondi aree interne; 2) rafforzare il modello di governo del territorio condiviso per ottenere dalla Regione Veneto il trasferimento di competenze e risorse previsto dalla riforma degli enti locali, dalla legge 25, dallo Statuto regionale e sancito con il referendum sull’autonomia di Belluno del 22 ottobre scorso; 3) aprire un ulteriore tavolo con lo Stato, in collaborazione con gli altri territori speciali, per l’individuazione dei costi standard montani e assicurare con apposito provvedimento legislativo i trasferimenti minimi per le funzioni e i servizi assegnati alle Province».

Share
- Advertisment -

Popolari

Cinema Italia, tutto quello che c’è da sapere sullo storico cinema di Belluno. Martedì con il Fai Giovani su piattaforma Zoom

Il gruppo Fai Giovani di Belluno ha organizzato una conversazione on line dedicata allo storico cinema Italia di Belluno. Il gestore Manuele Sangalli porterà...

Il Lions Club Belluno dona 18 Pc alle scuole di Borgo Valbelluna

Il Lions Club Belluno, dopo l’apprezzato intervento per le scuole primaria e secondaria di Limana, ha voluto donare alle scuole di Borgo Valbelluna diciotto...

Si può battere sul tempo l’infezione da Sars Cov 2 grazie agli antivirali e ad una nuova organizzazione del territorio

È ormai acclarato che l’opportunità terapeutica dell’utilizzo degli antivirali contro l’infezione da Sar-Cov2 è tanto più efficace quanto prima si utilizzano tali rimedi fin...

No paura Day 3. Domenica alle 16 in piazza Martiri a Belluno

Belluno, 9 maggio 2021 – Oggi pomeriggio alle ore 4 in piazza dei Martiri a Belluno si terrà il terzo appuntamento “No paura day”,...
Share