13.9 C
Belluno
martedì, Settembre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Il Pd bellunese con il Bard chiede il ripristino del voto diretto...

Il Pd bellunese con il Bard chiede il ripristino del voto diretto per la Provincia

pdMartedì prossimo a Roma i rappresentanti bellunesi del Partito democratico incontreranno gli attivisti del Bard. Oggetto della riunione è il percorso parlamentare della proposta di legge per ripristinare l’elezione diretta degli organi della Provincia di Belluno.

Una situazione grottesca, posto che a volere l’abolizione delle province era stato proprio Graziano Delrio (Partito democratico), già ministro per gli Affari regionali e le autonomie, con legge che porta il suo nome. Salvo poi, nel maggio 2015 a Ponte nelle Alpi dichiarare che il Bellunese potrà “avere l’elettività e un’autonomia che, per adesso, non sarà ancora speciale”. Poco più di aria fritta che tale è rimasta fino ad oggi.

La proposta di legge è stata depositata la scorsa primavera e ha contribuito a facilitare la confluenza degli attivisti del Bard sulla candidatura di Alessandra Moretti in vista delle elezioni regionali.  A causa del vasto processo riformatore che ha impegnato il parlamento nell’ultimo anno, il disegno di legge non è ancora stato calendarizzato.

Il Partito democratico da sempre sostiene la linea di un maggior grado di autonomia dei territori. In particolare, in occasione delle primarie nazionali del 2013, il Pd bellunese si è reso promotore di un documento per chiedere maggiore attenzione alla montagna da parte del governo centrale includendo, per il futuro, la previsione di un ente elettivo.

Anche l’assemblea provinciale del Pd ha di recente ribadito tale previsione con un apposito documento.

Il rafforzamento della provincia di Belluno è però un processo lungo e complesso, di cui l’elezione diretta è uno dei tasselli, ma non l’unico. Il Partito democratico è impegnato ad ogni livello – provinciale, regionale e nazionale – per trovare le risorse e modalità perché i cittadini, le associazioni e le imprese della nostra provincia possano godere delle medesime opportunità di chi vive in contesti privi degli ostacoli a cui sono soggetti gli abitanti del Bellunese.

A riguardo vanno registrati i progressi degli ultimi due anni: dal punto di vista normativo con la legge Delrio; l’aumento dei finanziamenti al sistema montagna con la legge di Stabilità 2016; il ripristino di alcuni servizi e presidi, come la nomina del dirigente scolastico dedicato alla provincia di Belluno.

L’incontro è in programma nella sede del Pd nazionale e si terrà alla presenza del vice segretario Lorenzo Guerini.

Share
- Advertisment -



Popolari

Arrestato e incarcerato un uomo a San Vito di Cadore

I carabinieri di San Vito di Cadore hanno arrestato M.G. Guerretta, 60enne residente a Treviso. L'uomo doveva scontare 6 anni e 6 mesi di...

Focolai di contagio covid a San Pietro di Cadore e Santo Stefano di Cadore. La Prefettura dispone l’intensificazione dei controlli di polizia

Si è tenuta oggi pomeriggio, in Prefettura, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana Cogode, con...

Indennità di rischio radiologico, la Cisl diffida l’Ulss 1 Dolomiti

La decisione della Ulss 1 Dolomiti, avvallata dal Nucleo aziendale di valutazione del rischio radiologico (Navrr) è definitiva: ai lavoratori di categoria B, infermieri...

Oltre le Vette 2020. Venerdì la prima serata della rassegna dedicata all’alpinismo e all’avventura

Si terranno al Teatro Comunale di Belluno le serate dedicate all’alpinismo e all’avventura della 24a edizione di Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi...
Share