13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 31, 2020
Home Cronaca/Politica Nessuno osi tappare la bocca alla stampa * di Antonio Di Pietro

Nessuno osi tappare la bocca alla stampa * di Antonio Di Pietro

All’improvviso nei palazzi della casta si è ricominciato a parlare di intercettazioni e di bavagli. Sembrava che, una volta uscito da palazzo Chigi il cavalier Berlusconi, il sogno di tappare la bocca alla stampa e alla rete fosse passato in seconda linea.

Invece niente da fare.

Anche il governo Monti si è convinto che la pubblicazione delle intercettazioni è il vero problema che pesa sui cittadini italiani. Non la crisi, la disoccupazione, i privilegi della casta, la burocrazia che strozza l’economia, la corruzione che da sola frena tutto lo sviluppo. Secondo la casta e i suoi difensori più o meno tecnici il vero problema sarebbe la stampa che continua a pubblicare conversazioni che i potenti preferirebbero tenere ben nascoste. Il problema non è il marcio ma che qualcuno lo dica e che i cittadini lo sappiano.

L’ultima trovata del ministro Severino sarebbe una specie di regolamentazione a singhiozzo. Le intercettazioni potrebbero essere pubblicate, però non subito, solo alla fine dell’inchiesta. Magari quando il corrotto o il malfattore di turno è già riuscito a farsi eleggere in Parlamento da cittadini che di quelle intercettazioni non sapevano niente e così lo hanno votato in buona fede.

A quel punto le intercettazioni potranno essere pubblicate, ma solo se “penalmente rilevanti”. Così se una carogna di palazzinaro se la ride al telefono pensando a quanto guadagnerà sulla pelle dei terremotati dell’Aquila i cittadini dovranno saperlo solo se “penalmente rilevante”. Oppure nel caso che un testimone in un importante processo tema di essere smentito e telefoni alla più alta carica dello Stato chiedendo il suo intervento (e questo intervenga) nessuno lo saprà e nessun giornale potra pubblicare la notizia.

Io chiedo una cosa sola: possibile che mentre la corruzione dilaga e mette in ginocchio il Paese il governo pensa a eliminare quel poco di controllo sociale che i cittadini possono esercitare sulla casta grazie alla libera informazione? Noi dell’Italia dei Valori a questo ennesimo tentativo di bavaglio non ci stiamo e, insieme ai cittadini e i giornalisti con la schiena dritta, porteremo avanti la nostra battaglia per una Italia libera e plurale.

http://www.antoniodipietro.it/2012/06/nessuno-osi-tappare-la-bocca-alla-stampa

Share
- Advertisment -


Popolari

Nuovo rilevatore di velocità a Levego. Sarà in funzione 24 ore su 24 da domenica I° novembre

Entrerà in funzione domenica 1 novembre il nuovo rivelatore di velocità a Levego, lungo la Strada Provinciale 1 della Sinistra Piave. «Il nuovo apparecchio consente...

L’anno dello sciacallo dorato. Una coppia con tre cuccioli vive in Comelico

Ora è certo, in Comelico c’è lo sciacallo dorato. Le immagini di una coppia con tre cuccioli di circa 6 mesi sono state catturate...

Ronce 2020. Gimmy Dal Farra: “Progetti pronti per i finanziamenti, si parta al più presto”

L'associazione Belluno Alpina accoglie con soddisfazione i primi interventi concreti sul territorio del comprensorio Quantin-Nevegal-Ronce-Valmorel: "Con i fondi Vaia è stato asfaltato il primo...

Banda larga. Interrogazione di De Menech al ministero dell’Innovazione per sollecitare l’attivazione delle linee veloci

Roma, 30 ottobre 2020 _ Il deputato bellunese Roger De Menech ha presentato oggi un'interrogazione al ministro dell'Innovazione e digitalizzazione per sapere quali azioni...
Share