13.9 C
Belluno
mercoledì, Febbraio 24, 2021
Home Cronaca/Politica Carlo Vigna, lista Cesio sviluppo e territorio: "No alla centrale idroelettrica Camolino-Busche....

Carlo Vigna, lista Cesio sviluppo e territorio: “No alla centrale idroelettrica Camolino-Busche. Non corrisponde al modello di sviluppo che abbiamo in mente”

Cesio Sviluppo e Territorio, lista civica candidata alle elezioni comunali a Cesiomaggiore, ha riservato un ampio spazio del proprio programma al settore Energia e Ambiente. In tale ottica, riteniamo indispensabile far conoscere alla cittadinanza la nostra posizione sul progetto di impianto idroelettrico Camolino – Busche. “Non siamo contrari alla realizzazione di impianti idroelettrici, purché gli stessi abbiano un basso impatto ambientale e siano compartecipati dagli Enti Locali dei territori interessati” sostiene Carlo Vigna, candidato sindaco della lista civica Cesio Sviluppo e Territorio e consigliere comunale uscente a Cesiomaggiore. Il mega progetto di impianto idroelettrico Camolino – Busche desta delle grandi perplessità, e non a caso è intervenuto lo stop della Sopraintendenza. “La realizzazione di una condotta di quasi cinque metri di diametro, che porterà ad un ulteriore svuotamento degli alvei dei nostri torrenti, non può dirsi un progetto sostenibile dal punto di vista ambientale” continua Vigna. “Inoltre non si capiscono quali possono essere i benefici economici per il nostro territorio, non essendo prevista una compartecipazione degli Enti territoriali, e visto anche che la realizzazione della condotta di undici chilometri comporterà degli enormi disagi per la popolazione residente”.

Un progetto idroelettrico in linea con le esigenze del nostro territorio deve portare dei benefici concreti alle comunità, sia in termini economici per le casse comunali, sia in termini turistici, prevedendo ad esempio la riattivazione e la ristrutturazione (anche a fini ricettivi) di vecchi impianti idroelettrici e la realizzazione di percorsi naturalistici adiacenti agli stessi che portino alla riscoperta di luoghi oggi dimenticati e abbandonati del nostro territorio. Un modello virtuoso in questo senso è stato il recupero della centrale idroelettrica dell’Altanon.

“Il progetto della Camolino-Busche – conclude il candidato Sindaco Vigna – non corrisponde al modello di sviluppo che abbiamo in mente, e in certi casi bisogna anche essere capaci di esprimere un secco no come amministratori! ” .

Share
- Advertisment -

Popolari

Furto in abitazione a Feltre

Feltre, 24 febbraio 2021 - Nella tarda mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Feltre sono intervenuti in un'abitazione di via Farra a...

Rinnovo cariche all’Ebav. Alessandro Conte (Cna Veneto) alla presidenza. Giannino Rizzo (Uil) vice presidente. Nel consiglio Rudy Roffarè (Cisl Veneto)

Venezia 24 febbraio 2021 – L'assemblea EBAV riunitasi martedì 23 febbraio, ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione dell'Ente Bilaterale dell'Artigianato Veneto e ha nominato...

Scuola. L’assessore regionale Donazzan scrive al ministro Bianchi: investire su organici. 3mila docenti licenziati perché in possesso del vecchio diploma magistrale

Venezia, 24 febbraio 2021   “Ho colto con favore l’invito del Ministro Bianchi ad avviare una positiva interlocuzione con i territori a partire dal raccogliere...

Ufficializzato il programma del 36° Rally Bellunese del 17-18 aprile

Il programma del 36° Rally Bellunese è stato ufficializzato. La corsa, valida come prova inaugurale della Coppa Rally 4^ zona (comprendente le province di Belluno...
Share