13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 29, 2020
Home Cronaca/Politica Verso la progettazione del collegamento tra la A27 e la Sinistra Piave

Verso la progettazione del collegamento tra la A27 e la Sinistra Piave

Roger De Menech

La Regione del Veneto si farà carico dello sviluppo progettuale della viabilità di collegamento tra l’autostrada A27 Venezia – Pian di Vedoia e la Strada Provinciale n. 1 “Sinistra Piave”. Il lavoro dovrà  concludersi entro dodici mesi dal momento dell’attivazione della progettazione in questione. E’ quanto prevede lo specifico Accordo di Programma firmato questa mattina dall’assessore regionale alle politiche della mobilità del Veneto Renato Chisso con il presidente della Provincia di Belluno Gianpaolo Bottacin, il sindaco del capoluogo Antonio Prade e il sindaco del Comune di Ponte nelle Alpi Roger De Menech.
“L’obiettivo – ha ricordato Chisso – è di fronteggiare i numerosi problemi e le criticità nel collegamento tra il capoluogo e l’autostrada, rispetto ai quali sono già state attivate più iniziative progettuali da parte degli enti locali interessati”.
In particolare, l’Accordo riguarda lo sviluppo progettuale preliminare dell’intervento denominato “Variante alla S.P. 1 di Cadola – Sagrogna”, secondo gli elaborati dello studio di fattibilità già redatto dalla Provincia di Belluno e trasmesso alla Regione lo scorso anno. Tale progettazione sarà coordinata ed integrata con la progettazione e realizzazione del collegamento fra la Strada Statale n. 50 “del Grappa e Passo Rolle” in zona Aeroporto e la S.P. 1 “Sinistra Piave” in località Levego – Sagrogna mediante un nuovo attraversamento del Piave in corrispondenza della località San Pietro in Campo e la contestuale realizzazione delle bretelle di collegamento alla viabilità esistente in località Pezzoneghe e in località Oltrevalle. La progettazione preliminare dovrà in ogni caso rispondere alla necessità di garantire l’attraversamento tangenziale al centro di Ponte nelle Alpi, anche individuando tracciati parzialmente o totalmente alternativi.
L’ Accordo odierno sarà attivato non appena disponibili nel bilancio regionale le risorse necessarie alla progettazione, mentre il finanziamento dell’opera sarà definito con Accordo successivo, reperite le necessarie risorse economiche, tenuto conto che il costo complessivo dell’intervento è stimato in 100 milioni di euro. Per assicurare il più ampio coordinamento tra le parti firmatarie è stato anche costituito un gruppo tecnico di lavoro.

Share
- Advertisment -


Popolari

Le “Puttane” di Maria Giovanna Maglie in libreria, per conoscere il sesso a pagamento senza ipocrisie. Dai bordelli sumeri, a Santa Teodora, da internet,...

In Italia mediamente 16 milioni di uomini ogni anno pagano per il sesso e il 70% ha famiglia ed è sposato. Tra questi 1.596.992...

Decreto ristori. Appia: “Oltre 100mila imprese della ristorazione inspiegabilmente escluse”

In Italia oltre 100mila imprese del settore della ristorazione sono inspiegabilmente escluse dagli indennizzi previsti con il Decreto ristori. È quanto denuncia CNA dopo...

Via all’8va edizione della rassegna “Passi e trapassi” quest’anno on line 

Venerdì 30 ottobre, serata sull'esperienza del lockdown e le sue prospettive. Sabato 31, le iscrizioni funebri del comune di Feltre e il tattoo come...

“Aspettando domani”. Presentato il filmato del progetto “Davanti le quinte!”

È online da questo pomeriggio sul canale YouTube del Comune di Belluno (all'indirizzo https://youtu.be/IoGWupMCBLg) il trailer del film “Aspettando domani”, finanziato dal progetto regionale...
Share