13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Abolizione delle province: una scelta populista e anti autonomista * di Paolo...

Abolizione delle province: una scelta populista e anti autonomista * di Paolo Bampo

Paolo Bampo

Quella dell’abolizione delle province rientrerebbe nell’ottica della semplificazione e della razionalizzazione dell’architettura istituzionale dello Stato, se non fosse solamente una manovra di chi è alla ricerca di un posto al sole attraverso proposte uniche ed “innovative” al punto di essere antistoriche e antidemocratiche.
Senza le province si andrebbe incontro ad una spinta di neo centralismo anti-autonomista.
Ovviamente se affrontata con razionalità e con i dovuti distinguo la questione potrebbe rientrare nell’agenda di un rinnovamento legislativo ed organizzativo dello Stato, ma con un taglio “sic et simpliciter” come quello proposto,ci si troverebbe nella situazione di veder allontanare dalla periferia verso il centro (da Belluno verso Venezia) la possibilità oggi detenuta dal cittadino di controllo dell’attività dei propri amministratori.
Attenzione non è assolutamente vero che, eliminando i vari “palazzo Piloni”, ne guadagnerebbero i sindaci e quindi i comuni.  Senza un coordinamento sovraordinato, nessun Comune, forse neppure quello capoluogo, avrebbe la possibilità di determinare scelte strategiche per il territorio (non penso solo ai trasporti, ma anche a tante altre attività oggi gestite dalla Provincia, nel cui consiglio siedono gli amministratori  espressione dell’elettorato locale e non regionale.)
Se per un verso la Provincia oggi ha una parzialissima possibilità di autogestione, lo spezzatino che uscirebbe  invece dall’abolizione dell’ente amministrativo bellunese, avrebbe effetti devastanti per l’autonomismo ;(ricordiamoci il “divide et impera”).
Per una volta quindi il PAB si trova d’accordo con il sistema dei partiti che ha bocciato il provvedimento sostenuto invece da  IDV, FLI, API e UDC (cosa ne pensano i loro rappresentanti locali che qui parlano di Autonomia di Belluno?) e ne apprezza il senso di responsabilità ed il coraggio per  non aver condiviso il facile populismo del provvedimento abrogativo. Ringrazia in particolare il PD che, pur essendo all’opposizione, con coerenza politica, non ha voluto partecipare al “tiro al bersaglio”.
Paolo Bampo – PAB (Provincia Autonoma Belluno)

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...

Giornata Nazionale del Cane Guida 2020. Singolare esperienza in piazza dei Martiri, bendati guidati dai cani addestrati 

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...

L’Istituto Pio XII di Cortina prosegue il proprio servizio ai bambini asmatici. Le suore lasciano la struttura

L’Istituto Pio XII, con l’Impegno di Opera Diocesana degli Uberti e della Diocesi, sta mettendo in campo un grande sforzo per non chiudere e...
Share