13.9 C
Belluno
lunedì, Ottobre 19, 2020
Home Prima Pagina Ospedale di Belluno: via al servizio di Guardia medica e tecnica radiologica...

Ospedale di Belluno: via al servizio di Guardia medica e tecnica radiologica notturna

Dopo una fase di sperimentazione durata diversi mesi, dalle ore 20,00 di oggi lunedì 4 luglio, prende ufficialmente il via l’attività di Guardia medica e tecnica radiologica notturna, presso l’Ospedale di Belluno.
Oltre ad essere un importante avanzamento sul piano operativo clinico,  è anche un importante passaggio del processo di riorganizzazione della rete aziendale di erogazione dei servizi sanitari.
L’obiettivo è quello di ottenere, nell’ambito della diagnostica radiologica, i maggiori benefici che la specializzazione professionale e l’utilizzo della telerefertazione possono garantire in termini di sicurezza  ed esito, su tutte le strutture ospedaliere dell’ULSS,  sia in elezione che, soprattutto, in regime di urgenza.
Dal punto di vista tecnico,  questo è possibile grazie ai sistemi di acquisizione e archiviazione digitale delle immagini radiologiche RIS-PACS (RIS:Radiology Information System;  PACS: Picture Archive Computed System),  come quello che attualmente è in funzione presso la ULSS di Belluno, che consente di raccogliere ed archiviare tutte le immagini radiologiche (RX Convenzionale, TAC, RMN ed Ecografia) acquisite in modalità digitale. Le immagini possono quindi  essere trasferite con facilità a distanza, dove sono visualizzate con la stessa definizione di quelle disponibili nel sito di esecuzione.
L’ attività in emergenza\urgenza oggi rappresenta forse la maggiore modalità d’ uso di questa tecnologia, per cui nella  Rete Ospedaliera le strutture periferiche  possono  avvalersi dei Centri di riferimento per la gestione anche dei casi complessi,  senza dover necessariamente spostare i propri pazienti. A questi viene garantita la stessa qualità di prestazione e refertazione  che avrebbero se il Medico Radiologo fosse presente nel sito di esecuzione dell’ esame.
Il nuovo modello organizzativo offre un notevole valore aggiunto in termini di qualità e di standard di sicurezza,  soprattutto in un contesto quale è  quello aziendale connotato dalla policentricità delle attività.
In sintesi, negli ospedali di Agordo e di Pieve di Cadore sarà garantita  la presenza attiva nella fascia oraria 8,00-20,00 del medico e del tecnico, mentre nella fascia 20,00-8,00 sarà disponibile il tecnico per l’esecuzione di esami in urgenza che verranno  telerefertati in tempo reale a Belluno.
A Belluno invece  la presenza di tecnico e medico è garantita nelle 24 ore e resa disponibile per tutte le urgenze eseguite in loco o inviate tramite RIS-PACS dagli ospedali di rete.
Alla Guardia Radiologica partecipano professionisti di tutte le Unità Operative  Radiologiche della ULSS, con un miglioramento complessivo degli standard di qualità. Infatti le diverse esperienze professionali sono più facilmente integrate ed uniformate su standard condivisi, con l’ attesa di una crescita culturale e metodologica di tutte le figure  interessate.

 

Share
- Advertisment -


Popolari

Giornata Nazionale del Cane Guida 2020. Singolare esperienza in piazza dei Martiri, bendati guidati dai cani addestrati 

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...

L’Istituto Pio XII di Cortina prosegue il proprio servizio ai bambini asmatici. Le suore lasciano la struttura

L’Istituto Pio XII, con l’Impegno di Opera Diocesana degli Uberti e della Diocesi, sta mettendo in campo un grande sforzo per non chiudere e...

Poste italiane apre in provincia di Belluno il servizio di cessione del credito, superbonus 110% e bonus vacanze

Poste Italiane sostiene la ripresa economica del Paese, nel quadro delle misure previste dal Decreto Rilancio, attraverso il servizio di “cessione del credito...

Nuovo Dpcm, rischio chiusure indifferenziate per le palestre. Michele Basso (Confartigianato): «Distinguere tra chi rispetta le norme anti-contagio e chi no»

«Le imprese artigiane hanno sempre rispettato i protocolli e le linee guida anti-Covid. Adesso si operi una distinzione netta tra chi è in regola...
Share