13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 24, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Rubati due pezzi della scultura "Volonterosa" sotto i portici della Prefettura

Rubati due pezzi della scultura “Volonterosa” sotto i portici della Prefettura

Con una battuta scontata, si potrebbe dire che “Volenterosa”, l’opera artistica realizzata in occasione della Carovana del volontariato del 22 maggio scorso, è così bella che va a ruba. Purtroppo, nei fatti è andata proprio così. Ignoti, nella serata di martedì 7 giugno, hanno sottratto due tasselli del manufatto esposto da alcuni giorni sotto i portici della Prefettura di Belluno. I ladruncoli si sono impossessati di una delle tavole in legno, la numero 11,  del “Gioco dell’oca” e di una delle due oche sempre in materiale ligneo poste alla base della scultura principale, realizzate da Sara Andrich, Marta Farina e Gian Ernesto Feltrin. Il Comitato d’Intesa ha atteso qualche giorno per capire se la sottrazione fosse stata un gesto di cattivo gusto, nella speranza che i buontemponi rimettessero al loro posto le due opere rubate. Poi, sabato scorso, è stata sporta regolare denuncia alla Questura di Belluno. Il Comitato d’Intesa e il Csv di Belluno si sono visti costretti a presentare la denuncia per il valore artistico, ma anche simbolico del manufatto, realizzato complessivamente da ben nove artisti bellunesi, Walter Bernardi, Beppino Lorenzet, Renato Scarton, Marco Bellotto, Giò Dal Piva, Eddy Prigol, Marta Farina, Sara Andrich e Gian Ernesto Feltrin. Ora ci si affida alle indagini della Questura di Belluno per ritrovare i pezzi mancanti. Importanti in questo senso potrebbero essere le immagini delle telecamere di videosorveglianza poste in piazza Duomo, a disposizione della Polizia Locale e degli investigatori della Questura, che potrebbero aver immortalato i ladri al momento del furto. Il Comitato d’Intesa e il Csv lanciano quindi un appello agli ignoti che hanno sottratto i due tasselli dell’opera, perchè li riconsegnino prima che le indagini facciano il loro corso. Possono riportarli laddove li hanno sottratti, sotto il portico della Prefettura, o lasciarli davanti alla sede del Comitato d’Intesa, in via del Piave 5 a Belluno. “Volenterosa è per noi un simbolo importante – afferma il presidente del Csv e Comitato d’Intesa Giorgio Zampieri – che racchiude in sé i valori del volontariato. Un’opera pensata e costruita proprio per celebrare il 2011, Anno europeo del volontariato”.  Il furto ha suscitato sconcerto anche tra le molte associazioni che avevano partecipato domenica 22 maggio alla Carovana del volontariato e avevano portato in piazza Martiri i pezzi della composizione per assemblarli alla base dell’opera.

Share
- Advertisment -


Popolari

Nasce a Ponte nelle Alpi il nuovo ambulatorio di Medicina generale che riunirà 5 medici

Un'unica sede per riunire tutti i medici di Ponte nelle Alpi: sta per nascere il nuovo ambulatorio di Medicina generale, finalizzato a offrire alla...

Rispettiamo le regole. L’appello del presidente della Provincia Roberto Padrin

In questo momento dobbiamo essere tutti responsabili. I numeri dei contagi e l'aumento dei ricoveri ospedalieri ci obbligano a comportamenti rispettosi delle regole. Dobbiamo...

Findomestic addebita a un omonimo la rata del finanziamento. Brumurelli (Associazione Io mi tutelo): “In 15 giorni abbiamo chiarito il caso con la banca...

Vedersi addebitare ogni mese delle rate di una cinquantina di euro senza sapere il perché non dev’essere piacevole. E’ successo in un Comune della Valbelluna...

Agricoltura di montagna. Dorfmann: aumenta il livello di protezione, maggiori aiuti alle aziende costituite da giovani

Si è chiusa con il voto di approvazione di ieri sera la quattro giorni che al Parlamento Europeo ha visto in discussione uno dei...
Share