13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 21, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Incontro tra giovani ed amministratori locali per un nuovo progetto sulla prevenzione...

Incontro tra giovani ed amministratori locali per un nuovo progetto sulla prevenzione dalle dipendenze

Martedì 24 agosto 2010 alle ore 16.00 presso la struttura del Centro Giovani di Via Dolci a Feltre (BL) si terrà un incontro operativo al quale sono invitati a partecipare i giovani e i Sindaci dei 18 Comuni che rientrano nel territorio di competenza dell’ULSS 2, i rappresentanti delle Forze dell’Ordine e quelli delle strutture medico – sanitarie, le associazioni di volontariato che operano nel campo del sociale o a diretto contatto con i giovani (es. Consulte Giovanili, Comunità di Recupero Tossicodipendenti, Sert, ), il mondo della scuola e dell’istruzione ecc… Scopo di questo incontro è discutere e confrontarsi sulla necessita e sull’importanza di dar vita ad una nuova progettualità dell’associazione giovanile “Area 9”. Questo gruppo operativo da diversi anni in Provincia di Belluno nasce nell’ambito di un progetto di promozione della salute denominato “Cantieri di Prevenzione Aperti nella Comunità”, gestito e coordinato dall’Arcat Veneto, promosso dalla Conferenza dei Sindaci e dal Dipartimento per le Dipendenze dell’ULSS 2 di Feltre e finanziato dal Fondo Regionale di Intervento per la Lotta alla Droga (Piano Triennale di Intervento 2006 – 2008). La finalità principale delL’associazione giovanile è sempre stata quella di lavorare allo scopo di sensibilizzare giovani e adulti sul mondo delle dipendenze (in particolare alcol e droga) cercando di promuovere forme alternative di “sano divertimento” nel rispetto delle regole. Tante attività sono state realizzate in questo senso: ad esempio il Progetto “Quel Bicchiere di Troppo” che ha coinvolto gli studenti degli Istituti di Scuola Superiore del feltrino allo scopo di informarli, senza moralismi e proibizionismi,  sui rischi e conseguenze che possono derivare dal consumo di sostanze alcoliche durante il divertimento notturno; attraverso la collaborazione di Radio Belluno alcuni membri del gruppo, dopo un periodo di formazione, hanno potuto gestire in modo autonomo un programma radiofonico (“Radio Area 9”) in onda ogni venerdì pomeriggio dove viene dato spazio sia alla presentazione di associazioni giovanili di volontariato o gruppi musicali emergenti sia come “luogo” dove promuovere e organizzare dibattiti e discussioni su tematiche inerenti i giovani o il mondo delle dipendenze coinvolgendo anche persone esperte in tema.  Il nuovo responsabile di questo progetto, Federico Di Giorgi, giovane da sempre attivo nel mondo del volontariato e Vice presidente della Consulta Giovanile Diciamo la Nostra, invita giovani e  amministratori locali a partecipare a questo appuntamento perché ritiene che solo attraverso il confronto e lo scambio di idee reciproche, si possa riuscire nell’imminente futuro, a pensare e a scrivere un nuovo progetto che sia condiviso da tutto il gruppo di lavoro e a stringere importanti e fondamentali collaborazioni tra la nuova associazione e gli Enti utili alla buona riuscita delle prossime iniziative in programma.

Share
- Advertisment -

Popolari

Sportful Dolomiti Race. Il toscano Fabio Cini e la modenese Sonia Passuti vincono la corsa della Rinascita

Sei ore e mezza per scalare Cima Campo, Passo Manghen, Passo Rolle e Passo Croce d'Aune: 204km e quasi 5.000mt di dislivello per portare...

Intervento nella notte per due alpiniste in difficoltà sulla Cima Ovest di Lavaredo

Auronzo di Cadore (BL), 20 - 06 - 21   Ieri sera, attorno alle 22, la Centrale operativa del Suem ha allertato il Soccorso alpino...

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...
Share