13.9 C
Belluno
martedì, Gennaio 19, 2021
Home Cronaca/Politica Nuovo tentativo di scippo delle Tre Cime di Lavaredo

Nuovo tentativo di scippo delle Tre Cime di Lavaredo

«L’indignazione che ho colto tra gli amministratori pubblici e i cittadini di Auronzo di Cadore è anche la mia. Sono anch’io in prima linea per protestare contro l’ultima trovata proveniente dall’Alto Adige: la Provincia autonoma di Bolzano ha deciso, con tanto di delibera, di cambiare la denominazione del “Parco naturale Dolomiti di Sesto” con quella di “Parco naturale delle Tre Cime” ». Lo dice Oscar De Bona che sulla questione è risoluto a non soprassedere. Così come ha già fatto l’amministrazione comunale di Auronzo che, come spiega il consigliere Andrea Quinz, delegato al Piano Neve e braccio destro dell’assessore al Turismo Vittorio Dorigo, ha trasmesso alla Provincia altoatesina e alla Regione Trentino Alto Adige una protesta ufficiale. «Le Tre Cime di Lavaredo – precisa Quinz – sono per il 70 per cento sul territorio auronzano. Ci saremmo aspettati almeno di essere interpellati da Bolzano, visto che si utilizza il nome di queste montagne in gran parte nostre. Solo il Comune di Dobbiaco ci ha contattato per farci una proposta che peraltro non possiamo accettare. Cioè di entrare a far parte di questo parco. Però per noi, appartenenti al territorio veneto, sarebbe stato andare incontro ad ulteriori discriminazioni dal momento che in Alto Adige esistono minori vincoli rispetto al Veneto». «Siamo alle solite – aggiunge De Bona. – Purtroppo questa è l’ennesima dimostrazione che i nostri vicini altoatesini continuano su una strada che s’allontana dal concetto di collaborazione ribadito anche dal Capo dello Stato proprio ad Auronzo pochi mesi fa. Non sono bastate infatti le raccomandazioni all’unitarietà tra le diverse aree del nostro Paese espresse dal Presidente della Repubblica in occasione della proclamazione delle Dolomiti patrimonio dell’Unesco. Spero solo che la Provincia di Bolzano si ravveda, lasci il nome originale del Parco delle Dolomiti di Sesto e cominci un percorso comune e sereno con le altre realtà territoriali ad essa confinanti. Le prevaricazioni non portano da nessuna parte e fanno solo del male a uno dei territori montani più affascinanti del mondo».

Share
- Advertisment -

Popolari

Rc auto: a Belluno prezzi in calo del 5%

  il nuovo anno si apre con una brutta notizia per quasi 57.000 automobilisti veneti; tanti sono gli automobilisti che, secondo l'analisi di Facile.it, avendo nel 2020...

Ulss Dolomiti. Rallentamento epidemico. Da sabato 23 gennaio via alla nuova organizzazione dei drive-in tamponi per l’area di Belluno

Il rallentamento epidemico registrato nelle ultime settimane comporta una minor richiesta di esecuzione tamponi che consente una rimodulazione di orario. Per quanto attiene la logistica,...

Premio Rodolfo Sonego, iscrizioni entro il 7 Febbraio 2021

Il Premio Rodolfo Sonego - il concorso per sceneggiature di cortometraggi creato da Lago Film Fest con la collaborazione di Scuola Holden (Torino) -...

Maltempo di inizio dicembre. Il Comune di Belluno segnala danni per 1,6 milioni

Ammonta a poco meno di 1,6 milioni di euro (per la precisione 1.583.800 euro) la conta dei danni segnalati dal Comune di Belluno alla...
Share