13.9 C
Belluno
domenica, Settembre 27, 2020
Home Cronaca/Politica Confindustria Belluno Dolomiti, Valentino Vascellari: " Il ricorso alla cassa integrazione nella...

Confindustria Belluno Dolomiti, Valentino Vascellari: ” Il ricorso alla cassa integrazione nella nostra Provincia è molto basso. Nel Bellunese la situazione è meno grave che nel resto del Veneto”

Valentino Vascellari presidente Confindustria Belluno Dolomiti
Valentino Vascellari presidente Confindustria Belluno Dolomiti

Non sono piaciuti i titoli riportati oggi dalla stampa locale al presidente di Confindustria Belluno Dolomiti Valentino Vascellari, che parla senza mezzi termini di un uso strumentale da parte di stampa e sindacati. “L’ulilizzo della cassa integrazione nella nostra provincia è marginale – ha detto – Non è vero che al Bellunese spetta il record regionale delle ore di cassa integrazione in deroga. E’ vero il contrario: a Belluno il minor numero di domande presentate nel periodo maggio-ottobre 2009 con 240 su 9.031 e il minor numero di ore richieste con 774.014 su 27.212.388; e il minor numero di lavoratori potenzialmente coinvolti, 1.268 su 50.927”! La conferenza si è tenuta questa mattina nella sede di Confindustria Belluno Dolomiti, sulla base dei dati forniti dell’Osservatorio sul lavoro, che dispone delle informazioni in tempo reale fornite dalla società Feinar (controllata da Confindustria Belluno Dolomiti) che gestisce 30 mila cedolini paga su un totale di 45mila in Provincia. “C’è molta fiducia negli imprenditori bellunesi – ha detto il presidente Vascellari –  che non vogliono disperdere le conoscenze professionali acquisite. Il ricorso alla cassa integrazione straordinaria, inioltre, rappresenta l’1% del Veneto. C’è insomma una situazione meno grave di quella presente attualmente nelle altre province. Senza per questo sottuvalutare gli altri sintomi della crisi, che riguarda ad esempio la sospensione del turn-over, la mancata conversione dei contratti a termine, l’affievolimento dei contratti interinali e a progetto”. Altra stoccata sempre alla stampa locale che ha accusato Confindustria di difendere gli evasori. “Nulla di più falso – ha affermato Vascellari – noi siamo a fianco all’Agenzia delle entrate nella lotta all’evasione che rappresentauna forma subdola di concorrenza sleale. Le aziende hanno problemi di cassa e di liquidità, gli imprenditori devono pagare il fisco e i dipendenti, dovendo scegliere danno la precedenza ai loro dipendenti. Noi chiediamo maggiori attenzioni da parte dello Stato. Se anche le banche congelano i mutui posticipando le rate, qualcosa potrebbe fare anche lo Stato”.

Share
- Advertisment -



Popolari

Crescono gli iscritti al 5° Dolomiti Rally

A cinque giorni dalla chiusura delle iscrizioni, fissata alla mezzanotte di mercoledì 30 settembre prossimo, è già salito a 56 il numero degli equipaggi...

Ski College Veneto di Falcade. Presentata oggi la stagione 2020-2021 con oltre 60 atleti sciatori di snowboard, sci alpino e fondo

Falcade (Belluno), 26 settembre 2020 – «Vogliamo continuare ad alzare l'asticella e far sì che i nostri ragazzi possano raggiungere obbiettivi sempre più ambiziosi...

Nevegal, 8 anni di chiacchiere * di Fabio Bristot “Rufus”

Lette le dichiarazioni di Massaro, tra le quali spiccano per poca onestà intellettuale quelle secondo le quali non sarebbe "competenza del Comune di Belluno...

Nevegal. Stagione invernale fortemente compromessa. La delusione degli operatori del Colle

Solo uno scatto d'orgoglio o un colpo di scena può oramai salvare la stagione invernale del Nevegal. E' quanto si percepisce dalle osservazioni degli...
Share