13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 13, 2021
Home Cronaca/Politica Dolomiti e Unesco, ovvero come uscire dalla marginalità. L’invito a Bottacin dall'Uapi...

Dolomiti e Unesco, ovvero come uscire dalla marginalità. L’invito a Bottacin dall’Uapi a consultare le categorie economiche per un confronto su scelte e strategie

L’Unione Artigiani e Piccola Industria non ha dubbi, Dolomiti Patrimonio dell’umanità “è una delle poche progettualità oggi in campo che permette a una provincia spesso marginale di respirare il profumo piacevole dell’appartenenza a un mondo che non finisce nel giardino di casa. Dal punto di vista economico, poi, lo considero un fattore identitario in grado di marchiare positivamente la vita delle aziende più pronte a cogliere lo straordinario potenziale che sta dentro il riconoscimento planetario dell’unicità di un luogo e, quindi, della gente che lo abita.”
A dirlo è Luigi Curto, Presidente di un’associazione che ha sempre appoggiato l’iniziativa avviata dall’amministrazione Reolon ed ora affidata al nuovo Presidente della Provincia per essere attuata. “Invito il Presidente Bottacin – dice Curto – ad avviare al più presto la consultazione delle categorie economiche e delle parti sociali, affinché sulle scelte e sulle strategie vi sia il più ampio confronto e la massima condivisione possibile. Sulle prospettive che si aprono deve, infatti, essere cercata e trovata una linea comune, che impegni tutti ad investire in un’unica direzione.”Poche le preoccupazioni dell’UAPI sui pericoli vincolistici che dal riconoscimento potrebbero derivare non tanto per i siti, quanto per le aree cuscinetto. “Più che per le aree che dalla scorsa settimana sono patrimonio dell’umanità – precisa il Presidente dell’UAPI – temo per tutto il resto della provincia, cioè per quei territori che, al pari dei nove gruppi dolomitici, meritano di essere valorizzate turisticamente e potrebbero rischiare una marginalizzazione se non adeguatamente legate a quello che ormai è il nostro migliore marchio di qualità. Credo che a queste aree la nuova amministrazione provinciale dovrà dedicare uno specifico intervento già in sede di Piano Territoriale Provinciale.”Quanto ai rapporti con Trento e Bolzano e con il Friuli e alle polemiche sulla sede della Fondazione, l’UAPI invita a guardare avanti. “Più che a criticità, preferiscono pensare che la decisione dell’Unesco abbia anche il merito di averci riconsegnato la legittima proprietà territoriale di montagne che, fino a ieri, altri spacciavano come proprie – dice Curto- . E’ da qui che bisogna partire per lavorare insieme a Trento e Bolzano e al Friuli: l’occasione potrebbe essere davvero unica e aprire scenari interessanti per azioni, progetti e finanziamenti comuni. Penso, ad esempio, alla promozione turistica, ai rapporti con le Università e i centri di ricerca, ai nuovi circuiti turistici che potrebbero innescare nuovi percorsi aziendali, come la certificazione ambientale delle imprese o le protezioni d’origine dei prodotti.”

Share
- Advertisment -

Popolari

No paura day 4. Belluno, piazza Martiri domenica ore 19:00

Domenica 13 giugno alle ore 19:00 in piazza dei Martiri a Belluno, si terrà il quarto appuntamento bellunese con l'iniziativa "No paura day". La...

Wanbao-Acc: il sindacato si divide. FimCisl ritira la propria delegazione

“Da alcuni articoli oggi apparsi sui giornali risulta che lunedì a Mestre il segretario della Fiom Cgil Bona Stefano incontrerà il governatore Luca Zaia...

Rincaro materie prime, dagli eurodeputati i primi segnali di supporto. Basso (Confartigianato): «Il problema va risolto, altrimenti la ripresa non sarà possibile»

Stanno arrivando le prime azioni a supporto di Confartigianato Belluno per porre un freno al rincaro delle materie prime. Dagli uffici di Piazzale Resistenza,...

Lavori alla scuola “Valeriano” di Castion. Le classi ripartite tra Badilet, Borgo Piave e Castion

Si è concluso in questi giorni, dopo un incontro con i vertici dell'Istituto Comprensivo 3 e con gli esponenti del consiglio d'istituto, lo studio...
Share