13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 17, 2022
Home Cronaca/Politica La protesta dei BL.itz per il patrocinio del Comune a Casa Durden...

La protesta dei BL.itz per il patrocinio del Comune a Casa Durden

Ieri  pomeriggio una trentina di ragazze/i del centro sociale BL.itz appoggiati dall’Anpi si sono presentati in consiglio comunale di Belluno per richiedere il ritiro del patrocinio del Comune concesso ad un’iniziativa promossa da Casa Durden “Fiamma Belluno”, società sportiva affiliata al  Centro Sportivo Nazionale Fiamma. Quest’ultima è un’associazione sportiva fondata nel 1948 da parte di giovani appartenenti alla Giovane Italia, movimento giovanile del MSI, con primo presidente Pino Romualdi.  E’ stato esposto uno striscione che ricordava alla giunta che la città è insignita della medaglia d’oro alla resistenza. All’interrogazione, proposta da alcuni consiglieri di minoranza, per ritirare il patrocinio, il sindaco Prade si è rifiutato di rivedere la propria decisione. A quel punto è stato calato uno striscione dal balcone del municipio ed è iniziata una vivace discussione tant’è che il presidente del consiglio Oreste Cugnach è stato costretto a sospendere la seduta e a dichiarare alle tv locali come la scelta del sindaco sia stata inopportuna.

Share
- Advertisment -

Popolari

Marco e Pippo, il trio comico di successo, venerdì al PalaFeltre

Venerdì 19 agosto alle 21:30 al PalaFeltre va in scena il trio comico più esilarante e di successo del momento. Marco e Pippo in...

Dolomitiche in campo: è l’alba di una nuova era

Tutte in campo: è l'inizio di un nuovo percorso. Anzi, di una nuova era. Perché per la prima volta la SSD Dolomiti Bellunesi abbraccia...

Gli interventi di soccorso in montagna di oggi

Quero - Vas (BL), 16 - 08 - 22 -  Impegnato lungo l'Alta Via degli Eroi dopo essere partito ieri da Porcen e aver...

Concerto a Palazzo Fulcis Venerdì 19 agosto, alle 20.45

Prosegue con entusiasmo la rassegna "REstate in Città", in programma a Belluno fino al 1° settembre, ricca di concerti e visite guidate, che stanno...
Share