13.9 C
Belluno
venerdì, Febbraio 26, 2021
Home Cronaca/Politica Ascom: La contesa dell'acqua. L'Associazione albergatori sul piede di guerra invita gli...

Ascom: La contesa dell’acqua. L’Associazione albergatori sul piede di guerra invita gli associati a sospendere i pagamenti

Il 10 ottobre 2008 l’Associazione degli Albergatori della provincia di Belluno scrive all’AATO  una lettera  con la quale si chiedeva che gli alberghi non fossero assimilati alle altre attività produttive e che quindi potessero avere un canone idrico proprio. La lettera veniva motivata non solo da argomentazioni  economico strategiche, ma supportata anche da specifici elementi giuridici. Dopo una serie di incontri e confronti con gli uffici dell’AATO con i dirigenti  ed i funzionari dell’Associazione giungeva una lettera che assicurava che i Sindaci, nell’Assemblea del 21 novembre, avevano concordato di ridurre gli onerosi canoni che gravano sulle imprese alberghiere. Il 30 marzo, l’Assemblea dei Sindaci, lo stesso organo che aveva deliberato di riconoscere l’agevolazione, ritrattando quanto precedentemente  deciso, ha respinto la proposta di eliminazione della terza eccedenza, lasciando quindi inalterati i canoni idrici che gravano sulle strutture alberghiere. La situazione ha dell’inverosimile nella sua incoerenza, nel momento in cui il turismo viene considerato universalmente in questa provincia come settore strategico di sviluppo, ma questo sta a significare che pubblico e privato debbono operare alla meglio per la sua competitività. Questa  priorità viene nei fatti contraddetta dalla condiscendenza degli enti pubblici, ed in questo caso gran parte delle Amministrazioni comunali, verso un piano tariffario che vede certamente penalizzate le imprese alberghiere. Cifre alla mano i costi per un albergo standard della nostra provincia risultano essere mediamente superiori del 48 – 50% rispetto ad un’analoga struttura della provincia di Bolzano dove si registra  un comportamento coerente fra azioni concrete poste in essere dalla pubblica amministrazione e politica di sviluppo. Ma questo non è l’ultimo caso di disinteresse della Pubblica Amministrazione verso gli alberghi, nella scorsa legislatura avevamo ottenuto direttamente dal Parlamento una favorevole interpretazione per l’utilizzo del Gas metano negli alberghi, ma nonostante le sollecitazioni fatte ai parlamentari bellunesi, al sottosegretario alle Finanze Giorgetti nonché al ministro Brunetta, gli uffici finanziari non hanno ancora dato disposizioni per la riduzione delle accise a favore delle proprie imprese. Questa è l’ultima goccia ha fatto traboccare il vaso. La prossima settimana è programmata una riunione del direttivo dell’Associazione Alberghi allargata a tutti gli imprenditori del settore che vorranno parteciparvi per studiare una linea di condotta comune affinché vengano riconosciute le istanze della categoria, e nel frattempo invita gli albergatori aderenti a sospendere temporaneamente i pagamenti.

Share
- Advertisment -

Popolari

Aumentano i contagi, da lunedì 6 regioni a rischio arancione

Da lunedì saranno sei le regioni italiane che rischiano di passare in fascia arancione con le relative restrizioni:  Piemonte, Lombardia, Lazio, Marche, Puglia e...

Auto e moto d’epoca. Fiera di Padova dal 21 al 24 ottobre 2021

Con il nuovo anno è ripartita anche la grande macchina organizzativa di Auto e Moto d’Epoca, che conferma le date annunciate. Dal 21 al 24...

Campagna di vaccinazioni Ulss Dolomiti

Prosegue la campagna vaccinale anticovid dell’Ulss Dolomiti. Ad oggi sono state somministrate circa 16.300 dosi di cui 9.800 prime dosi e 6.500 seconde dosi. Ecco...

Italia Polo Challenge. Arrivano all’Hotel de la Poste di Cortina i primi giocatori con sacche e stecche

  Con l’arrivo dei primi giocatori in vista dell’atteso test match tra U.S. Polo Assn./Lusben Polo Team e Battistoni/Mediolanum Polo Team di sabato 27 febbraio...
Share