Wednesday, 13 November 2019 - 07:00
redazione@bellunopress.it direttore Roberto De Nart

In libreria. “La Guerra di Pietro” di Simona Pacini. Uno spaccato dell’Italia dal 1939 al 1943 attraverso le lettere ritrovate di Pietro Nencini, zio dell’autrice

Apr 25th, 2018 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Pausa Caffè

Diciamo subito che le lettere di Pietro dalle quali Simona Pacini attinge per la stesura del suo libro “” (Europa Edizioni, 225 pagine, 13,90 euro), non sono un artificio narrativo utilizzato dagli scrittori di romanzi come Cervantes nel Don Chisciotte, dove l’autore finge il ritrovamento di un manoscritto.

Quelle lettere ci sono davvero, sono state ritrovate casualmente nel 2014 – come racconta in premessa l’autrice – durante lo sgombero di uno stanzino della vecchia casa di famiglia. Sono le lettere che il giovane Pietro Nencini, zio della mamma dell’autrice, afflitto da un’infezione invalidante che lo costringe a sedere su una seggiola in casa a Castiglioni Basso (Toscana), scrive dal 1939 al 1943 alla sorella Giovanna, trasferitasi ad Ariano Irpino (Campania).

La storia della famiglia Nencini, attraverso le lettere e le testimonianze raccolte da Simona Pacini, diventa uno spaccato dell’Italia durante la Seconda guerra mondiale che scorre fluida come una sceneggiatura di un film dalla penna dell’autrice nel raccontare la vita di chi non era in prima linea.

“Il 4 novembre del 1943 il sole era rimasto impastato con le nuvole e non si distinguevano l’uno dalle altre. (…) Pietro tante cose non le avrebbe sapute più. Non avrebbe saputo di quello che ci sarebbe stato anche a Castiglioni. Delle violenze dei soldati marocchini, dei bengala che illuminavano il cielo prima delle bombe, della Liberazione prima e della Repubblica poi”.

 

Simona Pacini, nata a Colle Val d’Elsa (Siena), giornalista, ha lavorato nelle redazioni di alcuni quotidiani locali a Siena e in diverse città del Veneto. E’ stata premiata come “Giornalista dell’anno 2003” dall’Ana Associazione nazionale alpini e ha vinto la seconda edizione del Premio Paolo Rizzi nel 2011.
E’ appassionata di cucina, di lettura, di arte e di animali. Attualmente si occupa di scrittura creativa.

(rdn)

 

Share
Tags: ,

Comments are closed.