Monday, 29 May 2017 - 07:54

Leggende e miti bellunesi: un punto di vista…artistico

Feb 13th, 2017 | By | Category: Arte, Cultura, Spettacoli, Prima Pagina, Sanità

16 cartoline double face: il fronte occupato da un disegno, il retro da un utile calendario. Questa è la creativa idea nata dal progetto “Leggende e miti della provincia di Belluno” promosso dal Centro Diurno di Belluno del Dipartimento di Psichiatria dell’Ulss 1 Dolomiti. Da alcuni anni il Centro, grazie alla volontà del Direttore Bruno Forti e delle educatrici Katia Trento e Rita Polloni, progetta e realizza attività artistico-culturali aperte al territorio e laboratori artistico-riabilitativi avvalendosi della collaborazione di professionisti esterni. Paola Nard, artigiana bellunese laureata in Storia dell’Arte, ha curato questo progetto leggendo insieme agli utenti del Centro Diurno due testi di riferimento: “Leggende delle Dolomiti” di Carlo Signorini (Verona, Edizioni Baldo – 2010) e “La Valde de le bèrte: racconti d’altri tempi” di Albino Mezzacasa (Feltre, Nuovi Sentieri Editori -1992). Dai testi sono state scelte tre leggende che hanno particolarmente ispirato gli artisti che si sono messi all’opera reinterpretandole e realizzando, prevalentemente con la tecnica del pastello, vari disegni. Tra questi sono stati selezionati 16 soggetti che hanno dato vita alle belle ed utili cartoline che si possono trovare in giro per la città: dalla Biblioteca Civica al Lettherarium di via Mezzaterra, dall’Ufficio Turistico al Bar da Scarton di piazza Vittorio Emanuele II.
Ogni cartolina è unica ed è il frutto della creatività, della manualità e della “voglia di farcela” di chi l’ha confezionata. Lo scopo del progetto è proprio quello di dare spazio all’espressione artistica consentendo ad ogni persona di esprimersi simbolicamente e comunicare le proprie emozioni attraverso la creazione di “qualcosa”: un percorso importante che tende al recupero di una propria identità insidiata dalla patologia.
Larixa

Nella foto: Una delle 16 cartoline/calendario

Share

Scrivi un commento

You must be logged in to post a comment.