13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 21, 2024
HomePrima PaginaLa bimba di Vienna con due mamme blocca la burocrazia

La bimba di Vienna con due mamme blocca la burocrazia

C’è una protesta nei confronti del Comune di Belluno che arriva da Vienna, dove Sara vive insieme a Jessica come coppia regolarmente sposata e la cui unione è riconosciuta in Italia come unione civile.

Nell’agosto del 2022 Sara dà alla luce la piccola Amelia e l’atto di nascita viene trasmesso al Comune di Belluno per la trascrizione essendo Sara iscritta all’Aire (Anagrafe italiana residenti all’estero) di questa città. Siamo in presenza quindi di un certificato di nascita formato all’estero che secondo la legge e la giurisprudenza andrebbe trascritto così come pervenuto.

Ebbene, scrive Sara “Il Comune, dopo 15 mesi di inerzia e solo in seguito alla messa in mora del nostro avvocato, ha deciso di trascrivere il certificato solo parzialmente, ovvero solo col mio nome, omettendo quindi il nome dell’altra madre e andando di fatto a fare una modifica assolutamente non consentita sul certificato di nascita”. Prosegue Sara “io trovo molto grave che una bambina che è cittadina italiana per essere nata da cittadina italiana non esista per più di 15 mesi per lo Stato italiano, che la cittadinanza e i connessi diritti civili non vengano riconosciuti e che sia per così lungo tempo impossibile fare un documento d’identità italiano. Per di più, con una trascrizione parziale, ora rischiamo anche che il cognome di mia figlia venga modificato, avendo lei il cognome di mia moglie”.

Sara, tramite il suo avvocato, Antonio Rotelli del Foro di Roma, invoca in modo particolare la sentenza della Corte Costituzionale n.32/2021 e alcune della Corte di Cassazione (sentenze 19599/2016, 14878/2017 23319/2021), le quali hanno escluso che vi sia contrarietà all’ordine pubblico quando una figlia sia nata da due donne. Per la giurisprudenza la contrarietà all’ordine pubblico si ha solo quando c’è ricorso alla gestazione per altri, circostanza che non ricorre in questo caso.

- Advertisment -

Popolari