13.9 C
Belluno
domenica, Aprile 11, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Commercio al dettaglio: -4,2% nel Veneto, tiene l'occupazione (+0,8%). Lieve crescita nei...

Commercio al dettaglio: -4,2% nel Veneto, tiene l’occupazione (+0,8%). Lieve crescita nei servizi ma previsioni in negativo

Camera di Commercio di Belluno

COMMERCIO AL DETTAGLIO – Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura condotta su un campione di 435 imprese con almeno 3 addetti, le vendite al dettaglio hanno registrato una flessione del -4,2% rispetto allo stesso periodo del 2010.

Il bilancio negativo è ascrivibile a tutti i settori, ma la performance peggiore si registra nel commercio al dettaglio dei prodotti non alimentari con un calo del -9,3%. Più contenute le variazioni per supermercati, ipermercati e grandi magazzini (-3,5%) e per il commercio al dettaglio di prodotti alimentari (-1,3%).

In aumento i prezzi di vendita (+1,9%), con variazioni più marcate per supermercati, ipermercati e grandi magazzini (+2,1%). Per il commercio al dettaglio alimentare si registra un +1,4%, mentre per il commercio al dettaglio non alimentare un +0,7%. Crescita più pronunciata per le medie e grandi superfici (+2,1%) rispetto alle piccole (+1%). In linea col fatturato, gli ordinativi hanno segnato una flessione del -5,5% su base annua. La diminuzione più significativa è stata rilevata per il commercio al dettaglio non alimentare (-8,7%). In flessione anche gli ordinativi per supermercati, iper e grandi magazzini (-5,4%), più contenuta quella per il commercio al dettaglio alimentare (-1%). Nonostante l’andamento negativo delle vendite, si conferma una tenuta dell’occupazione con una crescita del +0,8%, in linea col trimestre precedente. L’aumento più vistoso nei supermercati, iper e grandi magazzini (+1,1%), stabile il comparto alimentare, segno negativo per il non alimentare (-1,4%). L’occupazione segna una crescita nelle medie-grandi superfici (+1,1%), mentre è in flessione nelle piccole superfici (-1%).

Previsioni

Peggiorano le attese degli imprenditori: il saldo tra chi prevede un aumento e chi una diminuzione delle vendite è di -48,9 punti percentuali contro il -10,6 p.p. del trimestre precedente. In diminuzione anche le previsioni per ordini (-46,4 p.p. contro -20,3 p.p. precedente) e occupazione (-16,5 p.p. contro il -7,8 p.p. precedente). In rialzo l’attesa per i prezzi di vendita (+19,6 p.p. contro +16,7 p.p. precedente).

SERVIZI – Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell’indagine VenetoCongiuntura condotta su un campione di 809 imprese con almeno 3 addetti, il volume d’affari dei servizi ha registrato una lieve crescita sia su base tendenziale che congiunturale, ma restano negative le aspettative.

A livello tendenziale, crescita nel comparto turistico (+1,6%) e nei servizi tecnologici e innovativi (+1,3%). Stabile il volume d’affari nei trasporti, magazzinaggio e logistica (-0,3%).

Stabili i prezzi di vendita con un lieve aumento in tutti i comparti: +0,4% per il settore turistico, +0,3% per i trasporti, +0,1% per i servizi innovativi e tecnologici. In lieve diminuzione l’occupazione, in particolare nel settore turistico (-2,4%) e nel comparto dei trasporti (-2,2%). In aumento invece nel settore dei servizi tecnologici e innovativi (+2,3%).

Previsioni

Peggiorano le aspettative degli imprenditori: nel settore turistico il saldo è -47,4 p.p. (-27,2 p.p. precedente) seguito dal comparto trasporti (-35 p.p. contro il -12,4 p.p. precedente) e dal settore dei servizi innovativi e tecnologici con -26 p.p. (-0,9 p.p. precedente). Negativi anche i saldi relativi all’occupazione: per il settore turistico a -18,9 p.p., per i servizi innovativi e tecnologici -9 p.p., per i trasporti -7,9 p.p. Previsioni positive invece dai prezzi di vendita: +11,9 p.p. per i trasporti, +1,3 p.p. per il turismo, mentre restano negative per i servizi innovativi e tecnologici con -1,9 p.p.

Alessandro Bianchi, presidente Unioncamere del Veneto:

«Da un anno ormai i consumi delle famiglie fanno registrare il segno negativo nel commercio al dettaglio. E’ evidente che il mercato interno stenta a riprendersi e nemmeno i consumi del periodo di Natale sono serviti a invertire la rotta. In un contesto di difficoltà, il commercio dei prodotti non alimentari, quindi non di prima necessità, ha registrato un crollo del -9,3% e fa riflettere che il bilancio negativo coinvolga tutte le tipologie distributive. Il potere d’acquisto delle famiglie cala sempre di più, amplificando lo squilibrio già esistente fra la componente legata all’export, che è la vera molla dell’economia veneta, e un mercato interno bloccato. Per rilanciare il mercato nazionale è necessario abbattere la pressione fiscale, soprattutto ora che nei nostri imprenditori continua a crescere il clima di sfiducia e il nuovo aumento dell’Iva, previsto per ottobre, può mettere ulteriormente a rischio il potere d’acquisto delle famiglie. La tenuta dell’occupazione è positiva ma si viaggia a vista e sempre dietro al traino dei servizi tecnologici e innovativi che, con l’export, rappresentano il valore aggiunto dell’imprenditoria veneta».

Tabelle e indagine completa a partire dalle 14.00 al seguente link:

https://www.bellunopress.it/wp-content/uploads/2010/03/camera-commercio.jpg

in homepage cliccare alla voce “Vendite al dettaglio” e “Servizi” de “Il barometro dell’economia regionale”

Share
- Advertisment -

Popolari

Meteo, criticità fino a martedì. Temporali e neve fino a 1000 metri. Pericolo valanghe

Venezia, 11 aprile 2021 - La perturbazione che sta interessando il Veneto ha spinto il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Regione a dichiarare...

Mortalità, covid, economia, politica * di Enzo De Biasi

Covid 19: Vaccinare tutti e presto, oltre che una protezione sanitaria, rappresenta il primo mattone vero per la ripresa economica. Draghi può procedere anche...

E’ morta Amalia, titolare del caffè Commercio per quasi 50 anni

Belluno, 11 aprile 2021 - E’ morta nella notte all’ospedale di Belluno dove era ricoverata da due mesi Amalia Zoldan, avrebbe compiuto 85 anni...

Dal 16 al 22 aprile statale chiusa a Gravazze per realizzazione sottopasso ciclabile

Santa Giustina - Inizieranno il 16 aprile i lavori per la realizzazione di un sottopasso ciclabile in località Gravazze, all’interno dell’importante opera inserita come...
Share