13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Giovani Democratici Feltrino: "Situazione insostenibile nel bosco "drio le rive"

Giovani Democratici Feltrino: “Situazione insostenibile nel bosco “drio le rive”

A  giugno, grazie all’impegno di alcuni membri dei GDF, è partito il lavoro di una commissione che, riunitasi a più riprese in periodo estivo, ha deciso di studiare a fondo la situazione della centralissima area del Bosco Drio Le Rive, oggetto di un intervento del valore di € 450.000 avviato nel 2008. Con l’aiuto e la consulenza di tecnici, adetti del settore ed esperti, è stata stesa una relazione dalla quale è stato poi ricavato un estratto (in allegato), presentato durante una conferenza stampa oggi primo settembre.
Lapidario il commento dei responsabili della commissione, Alessandro Del Bianco e Francesco Dalla Balla, che hanno esposto una carrellata di decine di immagini (scattate in due tranche: la prima in periodo Mostra dell’Artigianato, l’altra per il Palio) per documentare il degrado che, nonostante i lavori del 2008 coinvolge l’area. Oltre alla sporcizia dilagante, alla vegetazione non curata che invade anche quanto recuperato, drammatica appare la situazione dei resti riportati alla luce con gli scavi archeologici.
I GD hanno voluto punzecchiare l’amministrazione comunale su molti punti: dalla gestione complessiva dell’area, che dopo un intervento così importante è stata abbandonata, alle modalità di gestione dei reperti scavati, poi velati con i teli ed abbandonati all’incuria al punto da necessitare di un’azione urgente a solo un anno dalla conclusione dei lavori. Non manca qualche nota anche sulla parte amministrativa: la videosorveglianza preventivata e poi non realizzata che forse, vista la condizione, si sarebbe dimostrata utile, la componentistica costosa scelta per i lavori, la dubbia utilità di un collaudo da € 7.000, la mancanza di esperienza dell’impresa di costruzioni e restauri che ha eseguito gli scavi archeologici nel compiere questo tipo di delicate indagini…
A rendere ancor più grave la questione il fatto che l’amministrazione, in una delibera di giunta del giugno 2011, rivendica con orgoglio l’esempio del Bosco Drio Le Rive, tradendo che, afferma Del Bianco “o mente sulle reali condizioni, o, cosa ancor più grave, non ne è a conoscenza”.
Riflessioni, dati e domande sono inserite nell’estratto dalla relazione conclusiva che si invia in allegato. In appendice a questo anche alcune immagini emblematiche con relative didascalie. Per la stampa sono inoltre disponibili dei cd con una selezione di decine di foto scattate durante i diversi sopralluoghi della commissione.

Share
- Advertisment -


Popolari

Spettacoli di mistero delle Pro loco Bellunesi. Venerdì appuntamento a Belluno con i Castelli perduti e draghi dimenticati

Ritorna la rassegna "Veneto, spettacoli di mistero", promossa dall'Unpli Belluno nell'ambito delle iniziative di Unpli Veneto e Regione. Le Pro loco bellunesi non mancheranno...

Due positività al Comune di San Vito di Cadore. Ordinanza di chiusura e sanificazione degli uffici

A seguito della positività riscontrata a due dipendenti, il sindaco Emanuele Caruzzo ha disposto la chiusura degli uffici comunali di San Vito di Cadore...

Giornata Nazionale del Cane Guida 2020. Singolare esperienza in piazza dei Martiri, bendati guidati dai cani addestrati 

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...

L’Istituto Pio XII di Cortina prosegue il proprio servizio ai bambini asmatici. Le suore lasciano la struttura

L’Istituto Pio XII, con l’Impegno di Opera Diocesana degli Uberti e della Diocesi, sta mettendo in campo un grande sforzo per non chiudere e...
Share