13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 21, 2020
Home Cronaca/Politica Trasporto pubblico locale. De Zolt: «tagli del 12%, abbiamo adempiuto alle disposizioni...

Trasporto pubblico locale. De Zolt: «tagli del 12%, abbiamo adempiuto alle disposizioni regionali»

Silver De Zolt assessore provinciale ai Trasporti

Trasporto pubblico locale. De Zolt: «tagli del 12%, abbiamo adempiuto alle disposizioni regionali» “Aumenti minimi e tagli limitati a linee minori, come da linee guida della Regione Veneto, per garantire il trasporto pubblico in un contesto, quello provinciale, più ampio e complesso di quello urbano”. Spiega così l’assessore provinciale ai Trasporti, Silver De Zolt, la riduzione delle linee Dolomiti Bus per sanare il gap del 12% dei tagli ai trasferimenti per la gestione del Tpl. “Abbiamo adempiuto alle disposizioni regionali e individuato, dopo attenta analisi, le linee meno utilizzate la cui soppressione poteva garantire il rispetto dei termini imposti dalla Regione senza però compromettere il servizio pubblico” rivendica De Zolt appellandosi “alle diverse condizioni” in cui opererebbero trasporto pubblico urbano ed extra-urbano. “Pur nel rispetto delle decisioni adottate dal Comune di Belluno, il lieve aumento delle tariffe applicate per il servizio extraurbano – rimaste invariate dal 1° settembre 2007 – è stata una scelta obbligata per la Provincia di Belluno per garantire un numero minimo di collegamenti soprattutto con le zone di montagna, dove il servizio di trasporto ha una valenza fortemente sociale”. Nessuna alternativa possibile, quindi, all’aumento delle tariffe del TPL e all’efficientamento aziendale. “Il taglio dei trasferimenti ci ha costretto alla revisione dei costi dei biglietti dei percorsi extra urbani – aggiunge l’assessore provinciale ai Trasporti – perché soprattutto in determinate zone della provincia non era certo possibile ridurre un servizio di collegamento già ridotto al minimo”. Due gli aspetti da sottolineare secondo De Zolt: le ultime tariffe applicate al servizio extraurbano rimarrebbero nella fascia medio-bassa del settore in ambito regionale e la necessità di garantire risorse con cui fronteggiare i possibili tagli in vista del federalismo fiscale annunciato per il 2013. “A pesare sulle scelte della Provincia è anche la visione di medio-lungo termine del futuro della società di trasporto di cui deteniamo il 49% di quota e conseguente responsabilità”.

Share
- Advertisment -


Popolari

Elisoccorso. Azienda Zero vince il ricorso al Tar, Elifriulia condannata al pagamento delle spese processuali

Con sentenza n.102 pubblicata il 13 ottobre 2020 il Tribunale amministrativo regionale del Veneto ha respinto per inammissibilità e per infondatezza il ricorso promosso...

Emergenza Covid, le direttive della Prefettura

Si è tenuta ieri 19 ottobre 2020, in videoconferenza, una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, presieduto dal prefetto, Adriana...

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...
Share