13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Arte, Cultura, Spettacoli Stagione di Teatro "Auronzo di Scena" La Stagione si chiude con un...

Stagione di Teatro “Auronzo di Scena” La Stagione si chiude con un nuovo progetto di teatro a scuola: in classe con “Il tè dei matti”

Dopo il successo riscosso dagli appuntamenti della Stagione di Prosa e dei precedenti spettacoli dedicati alle scuole, la Stagione di Teatro Auronzo di Scena si chiude con un nuovo progetto di teatro a scuola, Il tè dei matti, tratto da Alice nel paese delle meraviglie, un progetto teatrale di e con Clara Libertini e Solimano Pontarollo, produzione Tib Teatro. Lo spettacolo, che si svolgerà per gruppi classe all’interno delle scuole, sarà in scena da martedì 9 a venerdì 12 marzo 2010, con una giornata aggiuntiva rispetto al calendario originale al fine di accogliere le numerose richieste. Due esperti nutrizionisti (Clara Libertini e Solimano Pontarollo), di cui uno inglese, arrivano in classe per spiegare l’importanza nell’alimentazione quotidiana dell’assunzione del tè. La spiegazione introduce la “sacra” cerimonia del tè che dopo la distribuzione delle tazze e dei filtri diventa altro, diventa “Il tè dei matti”. I due esperti si trasformano nel Cappellaio Matto e nel Leprotto Marzolino, personaggi di Alice nel paese delle meraviglie, e la classe, luogo del quotidiano diventa luogo dello straordinario. Sulle note del buon non compleanno viene data il via ad una festa che sarà pretesto per provocare un cambiamento dello svolgimento dell’ora di lezione: domande, risposte, azioni e reazioni saranno fuori da ogni comportamento giudicato normale, logico. Lo straordinario irrompe nella quotidianità. Avrà inizio il gioco degli indovinelli, i due personaggi incalzano i bambini, pongono domande e non danno spazio, non ascoltano le loro risposte finché alla fine esausti, tramite un gioco che coinvolgerà direttamente tutto il gruppo classe, inviteranno i bambini a raccontare una loro esperienza stra-ordinaria! I ragazzi si troveranno così immersi nell’agire del Cappellaio e del Leprotto apportando un contributo unico e personale al processo creativo. Saranno cosi protagonisti, autori e attori, avendo contribuito con le loro storie originali, a trasformare per quel giorno, e per il tempo dello spettacolo, la loro aula nel paese delle meraviglie! Ogni gruppo classe sarà partecipe e protagonista di uno spettacolo diverso ad ogni replica. Perché diverso sarà l’apporto dei bambini, diverse le storie che emergeranno. Esse costituiranno la base per l’edizione di un testo che vuol essere una mappatura dei desideri e dell’immaginario infantile. pposite tecniche teatrali verranno impiegate per contenere e gestire il gruppo affinché si possano perseguire gli obiettivi sottesi al progetto e, dal momentaneo disorientamento, creare un nuovo equilibrio scaturito dal proficuo incontro con chi è o ci appare diverso, in questo caso il Cappellaio e il Leprotto. La Stagione di Teatro Auronzo di scena è organizzata da Tib Teatro, per la direzione artistica di Daniela Nicosia, con il Comune di Auronzo di Cadore, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e la collaborazione del Consorzio Turistico Auronzo-Misurina.
Info e prenotazioni 0437-950555.
www.tibteatro.it

Share
- Advertisment -

Popolari

Incendio distrugge una abitazione ad Umin di Feltre

Feltre, 24 novembre 2020 Dalle ore 17, i vigili del fuoco sono impegnati per domare  l’incendio sviluppatosi in una casa in via Umin, 5...

Zaia presenta in diretta Facebook l’ordinanza breve valida dal 25 novembre al 4 dicembre

Sarà in vigore da domani, mercoledì 25 novembre, fino a venerdì 4 dicembre. Il 3 dicembre dovrebbe uscire il nuovo Dpcm valido per l'intero...

Flavia Monego: «Il ruolo della donna nel mondo del lavoro è sempre più difficile»

«Mi sono insediata un mese fa e ancora non mi capacito di quanto lavoro ci sia da fare per contrastare e prevenire la violenza...

Violenza donne. In Veneto 3.174 vittime accolte nei centri. Lanzarin: “Prosegue l’impegno finanziario per sostenerli”

Venezia, 24 novembre 2020  Sono 3.174 le donne seguite con percorso specifico dai Centri antiviolenza del Veneto in tutto l’anno scorso. Una flessione minima, 82...
Share