13.9 C
Belluno
domenica, Novembre 29, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Il formaggio Piave verso la denominazione d'origine protetta

Il formaggio Piave verso la denominazione d’origine protetta

Anche per il formaggio Piave, orgoglio della provincia di Belluno e di Lattebusche latteria cooperativa della vallata bellunese, è iniziata l’ultima tappa verso il traguardo della Denominazione d’Origine Protetta. “Con il parere positivo della Commissione, la domanda è stata pubblicata nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea – ha spiegato il vicepresidente della giunta veneta Franco Manzato – e se nei prossimi sei mesi nessun Paese avrà obiezioni, questo straordinario e gustoso formaggio di territorio verrà ufficialmente iscritto nell’elenco dei prodotti tutelati da denominazione”. “Sono soddisfatto nel vedere anche questo eccellente prodotto è ormai indirizzato verso lo striscione d’arrivo – ha aggiunto Manzato – e ancora di più perchè l’offerta veneta, ai consumatori italiani e di tutto il mondo, di produzioni agricole e agroalimentari certificate e tutelate nella loro qualità sfiorerà entro qualche mese la trentina di DOP o IGP. Oltre a quelle “storiche”, infatti, presto si aggiungeranno l’IGP Riso del Delta del Po (il cui disciplinare è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale Europea il 31 marzo scorso); l’Insalata di Lusia e i Marroni di Monfenera (18 aprile), la DOP per l’Aglio Bianco Polesano (6 maggio), i Marroni di Combai (11 maggio) e la Pesca di Verona IGP (9 giugno)”. Il formaggio “Piave” è prodotto esclusivamente con latte delle vallate bellunesi, tutte “tributarie” del bacino idrografico del secondo fiume d’Italia, raccolto presso oltre 350 stalle in cui il bestiame, prevalentemente di razza Bruna Alpina, viene alimentato con foraggio locale ricco di infiorescenze che attribuiscono al latte particolari caratteristiche organolettiche. Anche la lavorazione e la stagionatura avvengono in territorio bellunese. E’ figlio di una tradizione antica, che ha le sue basi nella storica attività casearia di malga, ed esprime una qualità e una genuinità di territorio unica, apprezzate su tutti i mercato dove ha trovato collocazione, comprese vaste aree dell’Italia settentrionale e centrale, negli Stati Uniti e in Canada. Dal punto di vista “tecnico”, è un formaggio a pasta cotta che viene proposto nelle tipologie Fresco ( 20 giorni di stagionatura), Mezzano (60 giorni) e Vecchio (180 giorni). Viene prodotto nelle tipiche forme cilindriche, della larghezza di circa 30 cm e alte tra gli 8 e i 10 centimetri. Di pasta bianca e sapore prevalentemente dolce quando è fresco, tende con il tempo al paglierino, con un gusto sempre più intenso e corposo. L’occhiatura è assente. Per identificarlo, l’intero scalzo è da sempre marchiato con la scritta “Piave”. La produzione si aggira su circa 2 mila tonnellate l’anno.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Belluno, controlli anticovid del sabato sera. Assembramenti in via Sottocastello. Sanzionati due locali

Continuano in modo serrato i servizi straordinari interforze di controllo del territorio disposti in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. De Carlo: “Strategia contro il territorio che annulla ogni forma di rappresentanza”

“La proposta di centralizzazione delle concessioni idroelettriche avanzata dal Partito Democratico fa parte di una strategia contro il territorio che punta ad annullare ogni...

Idroelettrico. Bond (FI): «Il tentativo di romanizzare le grandi concessioni è scandaloso. Mi opporrò senza se e senza ma»

«Chi vuole riproporre la centralizzazione della gestione idroelettrica fa il male della montagna. Il tentativo di espropriare i territori delle loro ricchezze, in questo...

Centralizzazione delle concessioni idroelettriche. Bona: “Il governo punisce la montagna”

«Si è capito che questo governo ce l'ha con le regioni e con i territori periferici. Dopo il silenzio sull'autonomia, dopo i tentativi di...
Share