13.9 C
Belluno
sabato, Luglio 20, 2024
HomeCronaca/PoliticaEonomia e innovazione. Presentato al Fulcis il programma organizzato dal Gal

Eonomia e innovazione. Presentato al Fulcis il programma organizzato dal Gal

Belluno, 13 giugno 2024 – Un sistema dell’innovazione e ricerca che faccia perno sulle imprese, sulla formazione e sulla finanza a sostegno della nuova imprenditoria, il tutto sostenuto dal sistema enti locali. E’ questo il nuovo progetto del GAL Prealpi e Dolomiti.

Nell’ambito del ruolo di Intesa Programmatica d’Area (IPA) e coerentemente con il
Documento di Programmazione 2023-2027, sono stati organizzati dal GAL quattro
incontri, con una serie di portatori di interesse, che, coordinati dal professor Giulio
Buciuni, hanno rilevato punti di forza e debolezza del territorio e posto le basi per le
azioni concrete da realizzare in futuro. Le evidenze del percorso verso l’economia
dell’innovazione sono state presentate oggi giovedì 13 giugno 2023, a Palazzo
Fulcis di Belluno.
Il percorso, di cui si è appena conclusa la prima fase, ha visto la partecipazione di 40
soggetti, tra cui imprese leader del territorio, enti di credito cooperativo, associazioni
di categoria, fondazioni ed enti pubblici. Il gruppo di stakeholder ha preso parte a
quattro incontri, coordinati dal Professor Giulio Buciuni del Trinity College di
Dublino, al fine di poter valutare insieme la creazione di un ecosistema
dell’innovazione e della ricerca nel territorio, analizzando il livello di competitività
della provincia e le competenze esistenti e formulando un primo piano di sviluppo
strategico.
Numerosi i soggetti che hanno preso parte all’incontro in qualità di relatori e
partecipanti al percorso, tra cui alcune aziende leader del territorio che per prime hanno creduto nel progetto: Unifarco, Cerentin F.lli, Copeland Controls, SEST. Durante l’incontro, che ha avuto lo scopo di illustrare quanto emerso, sono stati inoltre definiti i prossimi step da compiere nella seconda fase.
“Il Gal Prealpi e Dolomiti ha avviato un ambizioso percorso che ha coinvolto
numerosi soggetti, coordinati dal Professor Buciuni per creare un ecosistema
dell’innovazione ef icace, dinamico e resiliente. Questo significa valorizzare e
promuovere quanto è già stato fatto ed è in corso nel territorio, adottare una
pianificazione congiunta di medio-lungo periodo e coinvolgere vari stakeholder
territoriali come banche, imprese ed istituzioni” ha dichiarato il Direttore del GAL
Prealpi e Dolomiti Matteo Aguanno, che ha aggiunto: “L’evento di oggi vuole essere
la conclusione della prima fase del progetto. Adesso il partenariato ci chiede di
avviare una seconda fase più operativa e capace di intensificare e migliorare i
rapporti tra le diverse progettualità e i diversi soggetti che operano su questi temi
all’insegna di un ecosistema dell’innovazione e della collaborazione”.

- Advertisment -

Popolari