13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeLavoro, Economia, TurismoCambio della guardia all'Hotel Montana Cortina. I fratelli Apollonio subentrano ai...

Cambio della guardia all’Hotel Montana Cortina. I fratelli Apollonio subentrano ai coniugi Lorenzi

«Un cerchio che si chiude… un altro che si apre. Siamo profondamente grati ad Adriano e a Roberta per la professionalità, la passione e la competenza con le quali per 35 anni hanno magistralmente diretto un piccolo grande gioello delle nostre montagne».

Così Nicola Menardi Demai, vicepresidente dell’Associazione degli Albergatori di Cortina commenta il cambio di gestione dello storico e centralissimo Hotel Montana, fino ad oggi guidato da Adriano Lorenzi e Roberta Alverà, attuale vicesindaco della località ampezzana, che già dalla prossima stagione estiva passeranno formalmente il testimone ai fratelli Patrizia e Riccardo Apollonio. La famiglia Apollonio è a sua volta molto conosciuta nella Conca dove gestisce da tempo il vicino Hotel Cortina.  Una scelta a lungo ponderata quella dei coniugi Lorenzi, dettata in primis dal bisogno di dedicarsi alla famiglia, agli impegni istituzionali e, nel caso di Adriano Lorenzi – co-allenatore della nazionale paralimpica di curling – anche dalla necessità di far fronte ai numerosi appuntamenti sportivi in programma.

«Un cambio della guardia all’insegna della continuità da una parte e della volontà di rinnovarsi dall’altro, ma anche e soprattutto del rispetto e della proficua collaborazione tra professionisti che svolgono con dedizione il proprio mestiere al servizio del territorio – prosegue Menardi Demai – Il lavoro di Adriano e Roberta in questi anni è stato impeccabile ed encomiabile. Grazie a loro il Montana è diventato a poco a poco un punto di riferimento per tanti turisti, molti dei quali ormai clienti affezionati, che si sono sempre rispecchiati nella loro idea di accoglienza, semplice e al tempo stesso profondamente attenta alle esigenze degli ospiti attraverso la cura di ogni singolo dettaglio. L’ospitalità vissuta come ragione di vita, l’albergo percepito come una seconda casa dove crescere i propri figli e non solo come un luogo di lavoro freddo e impersonale. Tutto questo ha fatto la differenza, insieme all’indiscutibile amore per la nostra destinazione e all’obiettivo primario di valorizzarla. Siamo certi che ritroveremo la stessa abnegazione anche nella gestione di Patrizia e Riccardo, a loro volta colleghi stimatissimi e apprezzati, ai quali facciamo fin da ora il nostro più sincero augurio per l’inizio di questa nuova avventura» –

- Advertisment -

Popolari