13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 24, 2024
HomeSport, tempo liberoEventi enogastronomiciI vini e gli spumanti più venduti nella grande distribuzione del Veneto

I vini e gli spumanti più venduti nella grande distribuzione del Veneto

Anteprima dello studio di Circana che verrà presentato a Vinitaly

Verona, 26 marzo 2024 – Merlot, Custoza e Prosecco compaiono nella classifica dei primi cinque vini e spumanti venduti nella Grande Distribuzione del Veneto nel 2023, insieme a Lambrusco e Cabernet (a volume). E inoltre, il Merlot è nella classifica nazionale dei primi 15 vini più venduti nella Gdo nel 2023 (a volume), mentre ben 4 vini veneti sono nella classifica dei primi 15 vini con maggior tasso di crescita nel 2023 (a volume): Valpolicella Ripasso, Bardolino, Amarone, Lugana (prodotto anche in Lombardia).

Lo riferisce l’anteprima dello studio “Circana per Vinitaly” (su dati registrati da supermercati, ipermercati, discount, libero servizio piccolo), che verrà interamente presentato a Vinitaly il 15 aprile nel corso della tradizionale tavola rotonda su Vino e Gdo, organizzata da Veronafiere.

Il 2023 è stato un anno ancora difficile per il mercato del vino nella Gdo, anche se l’inflazione ha pesato meno che nel 2022 e il secondo semestre ha registrato un leggero incremento delle vendite. Il dato complessivo del vino, a livello nazionale, è -3,3% a volume sull’anno precedente (+2,5% a valore). Meglio i vini in bottiglia a denominazione d’origine che scendono del 2,8%, mentre anche le bollicine calano, a – 1,1%. Più in dettaglio: i rosati hanno venduto meglio dei bianchi, i bianchi meglio dei rossi, i vini fermi meglio dei vini frizzanti. Il prezzo medio del vino a denominazione d’origine in bottiglia (Doc, Docg, Igt) è di 5,4 euro al litro, con un aumento medio del 6,3% sull’anno precedente.

“Le strategie per una ripresa dipenderanno dalla scelta di Cantine e Distribuzione se preservare i margini oppure recuperare i volumi – osserva Virgilio Romano, Business Insight Director di Circana – Nel primo caso c’è il rischio di una chiusura d’anno non brillante; nel secondo, una maggiore promozionalità potrebbe favorire un recupero dei volumi”.

“La 20^edizione della tavola rotonda – ha sottolineato Maurizio Danese, amministratore delegato di Veronafiere – serve a fare il punto sulle dinamiche di mercato di un canale di vendita fondamentale per le imprese italiane. Il dialogo a Vinitaly tra produttori, distribuzione e buyer assume quest’anno ancora maggior importanza a fronte di una minor produzione dell’ultima vendemmia e di pressioni inflattive che confidiamo possano allentarsi il prima possibile”.

- Advertisment -

Popolari