13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 28, 2024
HomeLavoro, Economia, TurismoAd Agrimont il riconoscimento delle agrigelaterie e il Premio Pocchiesa, aspettando la...

Ad Agrimont il riconoscimento delle agrigelaterie e il Premio Pocchiesa, aspettando la Giornata europea del “dolce freddo”

Agricoltura e gelato, binomio vincente per la valorizzazione dei territori

Longarone, 22 marzo 2024 – Il gelato artigianale valorizza i prodotti agricoli degli Stati membri. È con questa motivazione che l’UE ha istituito la Giornata europea del gelato artigianale, in calendario il 24 marzo. Ed è il filo rosso che da anni lega il “dolce freddo” ad Agrimont, la fiera dell’agricoltura di montagna di scena a Longarone Fiere Dolomiti.

«Il gelato agricolo, a me piace chiamarlo così, è a chilometro zerissimo. Nel senso che racchiude il ciclo produttivo nello spazio di pochi metri quadrati. Dalla stalla alla coppetta, è praticamente una lavorazione diretta delle materie prime di qualità del territorio» spiega Michele Dal Farra, presidente di Longarone Fiere Dolomiti. «E rappresenta una delle tante sfaccettature del gelato artigianale, che è insieme know-how, racconto dei territori che lo producono, socialità ed economia».

 

AGRIGELATERIE DA PREMIO

Il gelato agricolo oggi ad Agrimont è stato protagonista. Presentato da alcune aziende agricole insignite con una pergamena che ne riconosce il ruolo e il valore nella promozione del “dolce freddo” quale lavorazione a km0 dei prodotti della stalla o dell’orto.

Attestato all’agriturismo La Dolza, di Follina (TV), gestito dalla famiglia Curto; alla gelateria La Sorbettiera di Belluno, di Carolina Da Rold, che utilizza il latte dell’azienda agricola di famiglia; all’azienda agricola La Giasena di Rino Bernard (di Ponte nelle Alpi), che utilizza i piccoli frutti e i succhi di frutta per produrre agrigelato; all’azienda agricola Sanwido di Enrico Pordon (San Vito di Cadore) che alleva capre e produce gelato bio; alla Malga Pien de Vacia di Selva di Cadore, gestita da Renè Spada; all’azienda agricola Muncio, di Luca Reginato (Fonte di Treviso); e all’agriturismo Piccola Baita di Falcade, gestita da Fabrizio Pescosta.

 

PREMIO POCCHIESA

Prima del riconoscimento alle agrigelaterie, Agrimont ha dedicato un momento al ricordo di Ivano Pocchiesa, storico addetto stampa di Longarone Fiere Dolomiti e appassionato di gelato artigianale. Il premio Pocchiesa – organizzato dalla fiera e dai Bellunesi nel Mondo – è andato a Luciana Polliotti, di Bergamo, giornalista e studiosa di storia materiale con particolare riferimento al gelato artigianale di tradizione italiana, tra i fondatori della Coppa del Mondo di gelateria.

«È un grande onore ricevere questo premio e riceverlo qui, a Longarone Fiere Dolomiti, patria del gelato artigianale» le parole di Polliotti, nella foto con le sorelle Pocchiesa. «Proprio qui è avvenuto il lancio del gelato gastronomico, nell’ambito della Mig che è trampolino di lancio e insieme boutique del gelato artigianale. Oggi ricreare il collegamento tra agricoltura e gelato artigianale, che è l’unico prodotto alimentare riconosciuto dall’Europa con una giornata dedicata, è bellissimo».

 

ULTIMO WEEKEND DI AGRIMONT

Agrimont torna anche domani e domenica per gli ultimi due giorni di fiera, con orario 9-19. Momenti di approfondimento e spazio ai migliori marchi in campo di macchine agricole, prodotti per il giardinaggio e l’orto, e i sapori della terra.

- Advertisment -

Popolari