13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 26, 2024
HomeCronaca/PoliticaContro il G7 di Verona

Contro il G7 di Verona

Il prossimo G7 si terrà in Italia. Non è una scadenza rituale. Non lo è naturalmente mai stata, quest’anno certamente avrà una rilevanza ulteriormente accresciuta dal quadro dell’inasprirsi dei conflitti sul piano globale e dall’accentuarsi delle tendenze alla guerra.

Lo dicono i fatti.

Il ridimensionamento della condizione egemonica dell’occidente capitalistico affermatasi dopo il crollo del blocco dei paesi dell’Est, il crescere della potenza cinese e di nuove potenze regionali, è un fatto ormai evidente e porta con sé la conseguente risposta che vediamo sotto i nostri occhi e rappresenta una minaccia gravida di pericoli per il futuro. I piani di sviluppo degli armamenti, gli investimenti crescenti nel settore militare, accompagnano il profilarsi di un orizzonte di inasprimento dei conflitti nelle aree strategiche dei commerci e delle produzioni su scala globale a scapito di risorse per sanità, scuole e servizi sociali. Per mantenere la sua egemonia o, perlomeno per attenuare il tramonto del suo dominio secolare, l’occidente mette in campo tutti gli strumenti di cui dispone in un unicum sistemico che mobilita tutti gli apparati di costruzione della forza e del consenso a questo finalizzati.

Il G7 è lo spazio politico che organizza e struttura l’insieme delle relazioni necessarie e definisce la strategia su cui si sviluppano le convergenze, la pianificazione strategica capace di tenere insieme il piano economico, quello politico e quello militare.

Il G20 che è stato strumento efficace negli interventi per contenere e gestire la crisi finanziaria del 2008, passato in quella contingenza dal livello ministeriale a quello dei capi di governo, continua ad essere uno strumento di confronto con le altre economie, con i paesi emergenti, ma il G7 è il fortino che organizza la difesa degli interessi comuni dell’occidente capitalistico e il luogo di definizione della comune strategia per le guerre in corso e soprattutto per quelle che si profilano.

Si incontrano in Italia i sostenitori della guerra in Ucraina, i principali paesi della Nato e i sostenitori di Israele: Usa, Gran Bretagna, Francia, Germania, Canada, Italia, Giappone e Unione Europea. I governi di questi paesi, e l’Unione Europea che rappresentano senza alcuna differenza di sostanza il blocco degli interessi della finanza, delle imprese, e li difendono spietatamente, sono in questo momento, in questa fase della storia dell’umanità, la nuova Santa Alleanza, impegnata con tutte le sue forze e a tutti i costi a riprodurre un modello che è in crisi, disposta a difenderlo con tutti i mezzi disponibili. Contro questa nuova Santa Alleanza dell’ordine mondiale liberale e liberista, protagonista delle principali guerre degli ultimi decenni schierata a sostegno della politica del governo israeliano responsabile delle politiche di apartheid e del massacro a Gaza contro il popolo palestinese e lo sostiene sul piano militare, economico e politico, va organizzata la mobilitazione popolare dell’opposizione alla guerra. Per questo per martedì 12 marzo alle ore 19.00 in diretta facebook dal sito del Partito della Rifondazione Comunista si terrà l’incontro dal titolo: “G7 VERONA crisi dell’occidente capitalistico, tendenza alla guerra, economia di guerra” con interventi di SERGIO BOLOGNA officina primo maggio, MONICA DI SISTO economista, ambientalista, KHALED AL ZEER presidente comunità palestinese del Veneto, e giovedì 14 marzo dalle ore 14.00 manifestazione in piazza Cittadella contro il riarmo, la politica genocida di Israele e dei suoi alleati contro il popolo palestinese.

Il vertice, infatti, avrà all’ordine del giorno temi decisivi come l’Industria, l’Intelligenza Artificiale, l’Aerospazio.

Chi, singolo soggetto od organizzazione che sia interessato/a ed intenda partecipare con noi alla realizzazione del controvertice dei movimenti e delle lotte, si faccia avanti.

I promotori:

Laboratorio autogestito Paratodos

comunità palestinese del Veneto

rete Verona per la Palestina

Rifondazione Comunista

Ultima Generazione

Infospazio 161

Osservatorio contro la militarizzazione delle scuole e delle Università

CUB Vr

Unione Inquilini Verona e Padova

- Advertisment -

Popolari