13.9 C
Belluno
lunedì, Aprile 22, 2024
HomeSport, tempo liberoDolomiti Bellunesi: il successo sull'Atletico vale il terzo posto

Dolomiti Bellunesi: il successo sull’Atletico vale il terzo posto

Baldassar-De Paoli: il successo dolomitico vale il terzo posto

DOLOMITI BELLUNESI-ATLETICO CASTEGNATO 2-0

GOL: pt 45′ Baldassar, 48′ De Paoli.

DOLOMITI BELLUNESI: Virvilas; Grieco, Perez, Tiozzo, T. Cossalter; De Carli (st 37′ Bandaogo); Tardivo, Baldassar (st 37′ Alcides), Mazza (pt 42′ De Paoli); Biancheri (st 15′ Nunic), Marangon (in panchina: Bresolin, Fagherazzi, A. Cossalter, Capacchione, Bevilacqua). Allenatore: N. Zanini.

ATLETICO CASTEGNATO: Chini; Randazzo, Onkoni, Pizzoni, Minni; Tirelli (st 41′ Bassini), Bortoletti (st 33′ Belotti), Bellandi (st 19′ S. Zanini); Costanzo, Marrazzo, Rusconi (st 40′ Magrograssi) (in panchina: Malaguti, Bertocchi, Xhepa, Gannouni). Allenatore: I. Guerra.

ARBITRO: Matteo Cavacini di Lanciano (assistenti: Alessandro Bara di Macerata e Stefano Allievi di San Benedetto del Tronto).

NOTE. Ammoniti: Randazzo, De Carli. Angoli: 5-4 per l’Atletico Castegnato. Recupero: pt 3′; st 4′.

Prima vittoria casalinga, nel girone di ritorno, per la SSD Dolomiti Bellunesi. Grazie a uno scoppiettante finale di prima frazione, i rinoceronti spezzano la serie di quattro risultati utili dell’Atletico Castegnato. E conquistano tre punti di assoluto valore: anche perché valgono il sorpasso sul Bassano e l’aggancio al gradino più basso del podio. Di pregevole fattura, peraltro, le realizzazioni, a nobilitare il pomeriggio quasi primaverile di Sedico: dall’ottimo inserimento centrale del giovane Baldassar, capace di andare a segno per la prima volta tra i “grandi”, al gioiello di De Paoli, cui bastano sei giri di lancette per prendere la mira e infilare l’incrocio dei pali con un sinistro irresistibile.

NOVITÀ – Non mancano le novità nell’undici di partenza, se è vero che Thomas Cossalter viene proposto nel ruolo di terzino sinistro, come era accaduto nella seconda giornata di campionato contro la Virtus Bolzano, mentre in mediana ritrova una maglia da titolare Tardivo e davanti è Biancheri, che all’andata realizzò una doppietta nell’arco di cinque minuti, ad agire in tandem Marangon.

PRESSIONE COSTANTE – Ma il primo brivido lo procura una pedina fissa della scacchiera dolomitica: De Carli, il cui destro a colpo sicuro, sugli sviluppi di un corner, viene ribattuto in maniera decisiva da Onkoni. Poco più tardi, al 16′, cross basso di Marangon per Biancheri, che irrompe con i tempi giusti, ma spedisce il pallone oltre la traversa. Anche se la madre di tutte le occasioni arriva attorno alla mezz’ora, quando Tardivo lucida il suo destro educato e coglie un palo clamoroso, mentre Mazza, con un diagonale mancino, impegna severamente Chini. Lo stesso Mazza dovrà poi abbandonare la contesa a causa di un problema al ginocchio: al suo posto entra Filippo De Paoli. E sarà grande protagonista. Al pari di Baldassar, abile a sfondare per vie centrali e a indirizzare il match sul binario dei “blancos”, allo scadere. In pieno recupero, invece, “Depa” col sinistro disegna un autentico capolavoro: 2-0.

GESTIONE – Nella ripresa, i padroni di casa continuano a tenere in mano il timone della sfida: Thomas Cossalter sfiora subito il tris con un sinistro da fuori. E, in chiusura, vanno vicini al tris il neo entrato Nunic e ancora De Paoli. L’Atletico, dal canto suo, ci prova con una punizione di Rusconi, sulla quale Virvilas vola a deviare a mano aperta. Ma l’epilogo era già stato scritto all’intervallo. E non fa una grinza.

L’ANALISI – «Per quanto abbiamo prodotto, il risultato ci sta addirittura stretto – è l’analisi di mister Nicola Zanini -. Forse avremmo dovuto chiudere prima la partita, ma affrontavamo la squadra più in forma del campionato. E, quindi, complimenti ai ragazzi: la loro è stata una prova strepitosa. L’unico rimpianto è legato all’infortunio di Mazza: ora lo valuteremo».

- Advertisment -

Popolari