13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 2, 2024
HomeArte, Cultura, SpettacoliAppuntamentiGiornata internazionale della montagna. Lunedì alle ore 21 al teatro Comunale di...

Giornata internazionale della montagna. Lunedì alle ore 21 al teatro Comunale di Belluno

Cos’è realmente il processo di conversione ecologica? A Belluno il confronto con Luca Mercalli, don Bruno Bignami, Francesco De Bettin, in occasione della Giornata Internazionale della Montagna. Lunedì 11 dicembre, ore 21, al Teatro Comunale Dino Buzzati. Ingresso libero.

Un confronto su un tema di grande attualità, quello della conversione ecologica, alla
presenza di importanti ospiti di rilevanza nazionale: è questo, in sintesi, l’evento
organizzato da Oltre le Vette con il Comune di Belluno e la Fondazione Teatri delle
Dolomiti e con il supporto di DBA Group, in occasione della giornata internazionale della
montagna e del festival “Leggere le Montagne” promosso dalla Convenzione delle Alpi.
Lunedì 11 dicembre, alle ore 21, presso il Teatro Comunale “Dino Buzzati” di Belluno – si
terrà la serata che metterà a confronto il climatologo e divulgatore scientifico Luca
Mercalli, il curatore dell’enciclica papale Laudato si’, don Bruno Bignami e l’ingegnere e
imprenditore nel settore dell’ingegneria e dell’ICT applicato ai processi e al ciclo di vita di
opere, impianti e infrastrutture Francesco De Bettin.

L’oggetto della discussione sarà in quale modo si pratica concretamente la conversione
ecologica all’interno delle imprese, posto che essa è necessaria per ragioni climatiche e di
giustizia sociale. Si parla molto di sostenibilità e transizione ecologica ma in che modo la si
realizza? Se ne discuterà in questo dibattito moderato dal sociologo Diego Cason.
Luca Mercalli, climatologo e divulgatore scientifico italiano, è autore di molte opere
relative al clima come l’Atlante climatico della Valle d’Aosta, Che tempo che farà, Breve
storia del clima con uno sguardo al futuro, Il clima che cambia. Perché il riscaldamento
globale è un problema vero, e come fare per fermarlo, Non c’è più tempo e Come reagire
agli allarmi ambientali. Sarà suo compito illustrare le ragioni che sottendono la necessità
della conversione ecologica e il cambiamento dei nostri stili di vita.
Don Bruno Bignami, direttore dell’Ufficio nazionale per i problemi sociali e il lavoro della
CEI – Conferenza Episcopale Italiana. Scrittore affermato, ha al suo attivo diverse
pubblicazioni e articoli, in particolare sulla figura di don Mazzolari e su tematiche morali e
di etica ecologica. In tal senso don Bignami è stato uno dei commentatori che ha curato
l’edizione commentata dell’enciclica Laudato si’ di Papa Francesco edita da EDB. Da
segnalare anche, nel 2012, la pubblicazione di Terra, aria, acqua e fuoco. Riscrivere l’etica
ecologica e, nel 2016 il saggio Un’arca per la società liquida. La moralità nel cambiamento
d’epoca. A Belluno spiegherà come la conversione ecologica sia uno strumento di giustizia
perché, nel ridefinire il rapporto che c’è tra la nostra specie e gli altri viventi, promuove
una nuova idea di relazione tra gli uomini.

Francesco de Bettin, imprenditore nel settore dell’ingegneria e dell’ICT applicato
all’ingegneria di processo e al ciclo di vita e di esercizio di opere, impianti ed infrastrutture,
è presidente del Consiglio di Amministrazione di DBA Group di cui è fondatore e socio
paritetico con i fratelli Raffaele, Stefano e Daniele. Si definisce sognatore utopico di un
mondo solidale, meritocratico ed onesto. Tra i suoi obiettivi c’è la creazione di valore per
dipendenti, collaboratori e azionisti con un’accentuata attenzione alla responsabilità etica e
sociale delle società. Con il pubblico condividerà il modo concreto in cui le società del
gruppo DBA operano sui mercati internazionali per promuovere e praticare la conversione
ecologica.

La riflessione si completerà affrontando l’aspetto della praticabilità economica di un
processo di conversione che, come tutti i cambiamenti, ha diversi gradi di complessità e
molti ostacoli da superare. L’intento è di fornire idee su come l’economia e l’ecologia
contemporanea debbano essere al servizio del benessere umano e della diffusione dei
diritti tra tutti gli appartenenti alla nostra specie, per uscire dalla teoria di un’aspirazione e
dedicarci alla pratica della realizzazione.
Il festival “Leggere le Montagne” è un’iniziativa che la Convenzione delle Alpi ha
presentato per la prima volta nel 2015, in occasione della Giornata Internazionale della
Montagna, che è stata istituita dall’ONU e si celebra annualmente l’11 dicembre. Il festival
intende avviare diverse tipologie di eventi dedicati al tema della Montagna e della
letteratura in varie località alpine, promuovendo le differenze e le somiglianze culturali
esistenti nel territorio alpino, e allo stesso tempo, collegando tra loro “montagna e
cultura”. L’evento organizzato a Belluno si inserisce quindi in un ricco calendario di
appuntamenti che si svolgono in contemporanea l’11 dicembre in tutto l’arco alpino, dalla
Francia all’Austria, dalla Svizzera alla Slovenia.
Ingresso gratuito fino a esaurimento dei posti. Prenotazione consigliata dal sito
www.oltrelevette.i

- Advertisment -

Popolari