13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 2, 2024
HomeCronaca/PoliticaSulla morte di Giulia Cecchettin si scatena la bagarre politica

Sulla morte di Giulia Cecchettin si scatena la bagarre politica

Giulia Cecchettin

Dopo quell’inopportuno “se colpevole …carcere a vita” del vicepremier Matteo Salvini, prosegue la bagarre politica sul femminicidio della povera Giulia Cecchettin, uccisa con oltre 20 coltellate dal suo ex fidanzato Filippo Turetta, descritto dal suo avvocato come “un ragazzo d’oro, buono, che tutti descrivono gentile e che non litigava con nessuno”.

Europa Verde – Verdi del Veneto ha lanciato una petizione on line per chiedere le dimissioni del consigliere della Lega Stefano Valdegamberi che ha attaccato pesantemente Elena, la sorella di Giulia Cecchettin, criticando la maglietta che indossava e invitando addirittura la magistratura ad indagare su di lei. Un comportamento ritenuto inqualificabile per un rappresentante delle istituzioni.

Ecco il testo della petizione

Mentre tutta l’Italia è sconvolta dalla morte violenta di Giulia Cecchettin e si stringe attorno ai famigliari colpiti da questo terribile lutto, il consigliere della Regione Veneto, Stefano Valdegamberi, eletto con la lista Zaia, manifesta su Facebook una violenza verbale inaudita nei confronti della sorella di Giulia. Veicola di fatto un messaggio pericolosissimo, che alimenta la fonte socio-culturale della violenza sulle donne. Un comportamento inqualificabile per il ruolo istituzionale che ricopre, che non può più essere tollerato. La società e tutte le istituzioni sono chiamate oggi più che mai a uno sforzo comune che debelli definitivamente la cultura patriarcale e denigratoria nei confronti delle donne. Serve un cambio di rotta. I rappresentanti delle Istituzioni sappiano sempre cogliere la sofferenza delle cittadine e dei cittadini, attraverso rispetto ed empatia. Evitando parole che non fanno altre che fomentare quel solco entro cui gli stereotipi di genere si annidano. La Regione Veneto sia d’esempio e chieda immediatamente le dimissioni del Consigliere Regionale Valdegamberi.

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia si è già dissociato dalle dichiarazioni di Valdegamberi. L’onorevole Alessandro Zan (PD) ha definito “oltraggioso e delirante” l’attacco del leghista Valdegamberi alla sorella della vittima. Il il coportavoce di Europa Verde e deputato di Alleanza Verdi e Sinistra, Angelo Bonelli ha apostrofato “Valdegamberi è semplicemente indecente”.

Anche la senatrice Barbara Guidolin e l’onorevole Enrico Cappelletti (M5S) parlano di “dichiarazioni inopportune e infelici in questo momento di lutto” del consigliere regionale Stefano Valdegamberi. “Valdegamberi – sottolineano i due parlamentari pentastellati – anziché limitarsi ad esprimere condanna e solidarietà alla famiglia Cecchettin, ha formulato affermazioni inopportune e insensibili, sminuendo il dolore e lo sfogo di chi è stato vittima di una violenza indicibile. Questo non solo offusca la gravità della situazione, ma rappresenta un mancato rispetto per la sofferenza delle persone coinvolte”. E concludono “Chiediamo le immediate dimissioni di Valdegamberi, Zaia verifichi meglio da chi è circondato”.

 

- Advertisment -

Popolari