13.9 C
Belluno
sabato, Marzo 2, 2024
HomeArte, Cultura, SpettacoliNuova vita per il dipinto di Dino Buzzati

Nuova vita per il dipinto di Dino Buzzati

cof

Dedicata alla “sua” Santa Rita, l’opera del 1971 è da sempre custodita dal Comune di Limana

L’Amministrazione di Limana ha affidato alla dottoressa Mariangela Mattia l’opera di restauro del dipinto “I miracoli di Santa Rita” donato da Dino Buzzati al Comune nel 1971.

Si tratta dell’ultima opera pittorica del celebre artista bellunese, scomparso un anno dopo averla realizzata, che lo stesso Comune di Limana richiese per esporla nel sacello eretto pochi anni prima in Valpiana. Infatti, sull’onda dell’eco suscitata dall’opera “I Miracoli di Val Morel” che legò lo scrittore al piccolo paesino montano limanese, il Comune aveva eretto un capitello su progetto dell’architetto Alberto Alpago Novello che rievocava il “santuario” ricco di ex voto custodito da Toni Dalla Santa.

Esposto alcuni anni in Valpiana, il dipinto venne rubato e solo dopo molti ed accorati appelli fu restituito all’Amministrazione dell’epoca senza che si identificassero gli autori del furto. Da allora il tabernacolo ospita una copia del quadro, mentre l’originale è conservato in Municipio.

Milena De Zanet, sindaco di Limana

“Dopo oltre cinquant’anni” spiega il sindaco di Limana Milena De Zanet “il quadro necessita di un restauro. E considerato lo stretto rapporto tra Limana e i Limanesi e Dino Buzzati ci è sembrato un gesto doveroso intervenire per garantire alle generazioni future di poter godere della bellezza dell’opera”.

Il restauro consisterà nella pulizia del dipinto e nel trattamento e riparazione della tela per consolidarla. Quindi, con l’assistenza della Soprintendenza, al ritocco delle pitture per ripristinare con i colori originali le parti più rovinate grazie al supporto di foto d’epoca per garantire la fedeltà all’originale.

“Limana è molto legata a Buzzati e siamo onorati di mantenere vivo il ricordo di questo legame con numerose iniziative che da sempre promuoviamo. Ridare ora nuova luce al suo ultimo dipinto, così come lui ha dato luce all’incantata Valmorel con il suo ultimo racconto, ci sembra un giusto modo per rendergli onore” conclude il sindaco De Zanet.

- Advertisment -

Popolari