13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 31, 2024
HomeLavoro, Economia, TurismoCeramica Dolomite: una giornata assieme, dipendenti, ex dipendenti e le loro famiglie

Ceramica Dolomite: una giornata assieme, dipendenti, ex dipendenti e le loro famiglie

Sabato 20 maggio nello stabilimento di Borgo Valbelluna l’Open Day voluto dall’azienda per celebrare il primo compleanno della nuova società e per ringraziare tutti coloro che con il loro lavoro hanno contribuito al rilancio della realtà bellunese

L’AD Stefano Mele: “Oggi l’azienda sta proseguendo nel suo percorso di sviluppo: abbiamo già lanciato sul mercato cinque nuove collezioni di prodotti e prevediamo di completare entro l’anno in corso oltre 8 milioni di investimenti programmati dal nostro riavvio. Continueremo a investire nello sviluppo delle persone e nello stabilimento di Borgo Valbelluna per riportare il marchio Ceramica Dolomite a competere tra i leader di mercato”.

Borgo Valbelluna (BL), 20 maggio 2023 – Una rinascita che ha molti volti, ma soprattutto quello dei lavoratori che, con la loro dedizione e le loro competenze, hanno contribuito e stanno contribuendo a scrivere una nuova pagina della storia di Ceramica Dolomite, l’azienda bellunese specializzata nella produzione di ceramiche sanitarie Made in Italy che proprio un anno fa ha iniziato il suo percorso di rilancio e riposizionamento sul mercato.

Per questo l’azienda ha voluto dedicare a dipendenti, ex dipendenti e alle loro famiglie “Una Giornata Assieme”, un momento di festa, condivisione e ringraziamento che si è svolto sabato 20 maggio presso lo stabilimento di Borgo Valbelluna, la fabbrica tornata operativa un anno fa dopo un periodo di crisi industriale, quando, insieme al marchio Ceramica Dolomite, è stata rilevata da una cordata di imprenditori formata da quattro soci, espressione della migliore imprenditoria del Nord-Est, assieme ad Invitalia.

Sono state moltissime le persone che hanno partecipato alla giornata di porte aperte che ha visto alternarsi musica, animazione per bambini, chioschi gastronomici e la possibilità di effettuare la visita dello stabilimento secondo un percorso guidato che ha offerto un viaggio attraverso le fasi di lavorazione della ceramica e le innovazioni tecnologiche che caratterizzano lo stabilimento produttivo.

All’evento hanno partecipato anche l’Assessore Regionale Elena Donazzan, il Sindaco di Borgo Valbelluna Stefano Cesa, i rappresentanti delle organizzazioni sindacali Denise Casanova (CGIL), Stefano Zanon (CISL) e Giorgio Agnoletto (UIL), a dimostrazione dello stretto rapporto con il tessuto sociale al quale l’azienda è legata, oltre a Confindustria Belluno Dolomiti presente con il Presidente Lorraine Berton e il Direttore Generale Andrea Ferrazzi.

La giornata è stata l’occasione per festeggiare il primo compleanno della nuova società nata dal progetto di una cordata formata dai quattro soci – Banca Finint di Enrico Marchi, Delfin della famiglia Del Vecchio, Luigi Rossi Luciani Sapa di Luigi Rossi Luciani e Za-Fin di Bruno Zago, espressione della migliore imprenditoria del Nord-Est – e da Invitalia attraverso il Fondo di Salvaguardia Imprese, costruita con l’obiettivo di riportare Ceramica Dolomite ad essere il player di riferimento della ceramica sanitaria di design Made in Italy, salvaguardando l’occupazione locale, la maestria e la specializzazione di tutti i lavoratori dell’azienda.

E proprio la valorizzazione dei lavoratori e delle loro competenze uniche sviluppate negli anni sono stati il motore per il rilancio di questa importante realtà bellunese: oggi sono 360 i dipendenti di Ceramica Dolomite, di cui 62 nuovi assunti a partire dal 1° giugno 2022 con un focus sull’occupazione femminile che è stata incrementata non soltanto negli uffici, ma anche nei reparti produttivi. E le assunzioni continueranno ad accompagnare il percorso di crescita di Ceramica Dolomite che è alla ricerca di operai, tecnici di laboratorio e di processo e impiegati da inserire nei prossimi mesi nel proprio organico.

“Il primo anno di vita di Ceramica Dolomite consente a noi tutti di celebrare la determinazione dei lavoratori e di imprenditori del nostro territorio, con cui sono stati difesi posti di lavoro e produzioni di qualità” – ha commentato l’Assessore al Lavoro della Regione Veneto Elena Donazzan. “L’intero Paese ha osservato con grande attenzione questo salvataggio industriale e nei prossimi anni assisterà, ne sono certa, al pieno rilancio produttivo. Come Regione guardiamo con orgoglio a questo capitolo del lavoro e dell’industria veneta, a cui non faremo mai mancare il supporto necessario”.

“La giornata di oggi è un momento di grande festa per la nostra Comunità e l’intero nostro territorio provinciale – ha detto Stefano Cesa, Sindaco di Borgo Valbelluna – Cercando di interpretare il sentimento della mia gente penso che, l’occasione di questa giornata dedicata all’orgoglio per questa nostra azienda, alla sua prestigiosa storia ma soprattutto alle positive prospettive per il futuro, sia l’occasione per un sincero riconoscimento, colmo di gratitudine, per i soci azionisti e tutte le Istituzioni che a vario titolo hanno contribuito a questo miracolo. Ma oggi si celebrano anche la costanza, l’impegno, la dedizione e la determinazione degli operai, degli ex operai, delle rappresentanze sindacali che non si sono mai dati per vinti nonostante i tanti momenti di scoraggiamento. Grazie alle qualità di questi nostri operai, sono sicuro che le prospettive per la Ceramica Dolomite saranno sicuramente proficue e l’azienda continuerà a garantire crescita e sviluppo per il nostro territorio.”

Stefano Mele, Amministratore Delegato di Ceramica Dolomite, ha aggiunto: “Dal 1965 Ceramica Dolomite è la storia di un’eccellenza produttiva profondamente intrecciata al territorio in cui è nata e l’espressione di un “saper fare” unico che il progetto di rilancio del marchio sul mercato che abbiamo intrapreso mira a valorizzare, mettendo al centro le persone che rappresentano il vero valore aggiunto di questa realtà e che oggi vogliamo ringraziare con questa giornata. Il coraggio, la tenacia e la capacità di non arrendersi sono le caratteristiche delle persone che lavorano con noi e che stanno permettendo di continuare con passione e intraprendenza la storia e la tradizione della ceramica sanitaria 100% Made in Italy che questo stabilimento rappresenta. Con la ripartenza abbiamo dovuto affrontare tante difficoltà, ancora non tutte superate; tuttavia, oggi l’azienda sta proseguendo con gradualità nel suo percorso di sviluppo: abbiamo già lanciato sul mercato cinque nuove collezioni di prodotti e, seguendo le linee guida previste dal nostro piano industriale, prevediamo di realizzare entro il 2023 oltre 8 milioni di investimenti in nuovi macchinari e impianti e per lo sviluppo dei prodotti. Il nostro compito continuerà ad essere quello di valorizzare il know-how di questa azienda, tornata di proprietà completamente italiana, investendo nello sviluppo delle persone e nello stabilimento di Borgo Valbelluna dove vengono prodotti la totalità degli articoli di ceramica concepiti e disegnati da designer italiani, capaci di coniugare bellezza e innovazione, performance eccellenti e attenzione alla sostenibilità, che saranno i tratti distintivi per riportare il marchio Ceramica Dolomite a competere tra i leader di mercato”.

Ceramica Dolomite prevede per il 2023 di raggiungere i 24 milioni di euro di fatturato complessivo, con una produzione fino a 300.000 pezzi ceramici, che includono anche produzioni per altre aziende del settore.
Le 5 nuove collezioni, comprensive anche di una linea di lavabi da arredo, sono attente al design contemporaneo e sviluppate in sei varianti colore. Sono state firmate dal designer italiano Nilo Gioacchini e si caratterizzano per le forme essenziali e la purezza delle linee che fornisce ai sanitari un’eleganza contemporanea e le rende trasversali e adattabili a diverse ambienti. L’attenzione a ogni fase del processo permette di garantire un autentico prodotto di qualità e Made in Italy, che per Ceramica Dolomite significa 100% proprietà italiana, 100% design italiano e 100% produzione italiana. La realizzazione nasce da un sapere artigianale insito nella tradizione e storia dell’azienda, che negli anni si è evoluto beneficiando dei progressi tecnologici nati in ambito industriale.

Alle nuove collezioni oggi sul mercato si aggiungeranno nei prossimi mesi ulteriori novità che saranno presentate nel corso di CERSAIE, il Salone Internazionale della Ceramica per l’architettura e dell’Arredobagno, a cui Ceramica Dolomite farà il suo ritorno dopo molti anni di assenza, in programma dal 25 al 29 settembre 2023 a Bologna.

***
Ceramica Dolomite
Ceramica Dolomite, fondata nel 1965 a Trichiana (ora Borgo Valbelluna) ai piedi delle Dolomiti Bellunesi è da sempre espressione del “saper fare” prodotti in ceramica sanitaria che uniscono la passione e la conoscenza dei propri collaboratori con le più innovative ed automatizzate tecnologie produttive. La costante attenzione all’evoluzione del design, alla qualità dei prodotti e l’accurato servizio al cliente ha permesso negli anni di diventare un marchio di riferimento nel mercato dell’arredobagno e dei prodotti per la collettività. Dopo un biennio di crisi industriale per il sito di Borgo Valbelluna, nel 2022 lo stabilimento ed il marchio Ceramica Dolomite vengono rilevati da una cordata formata da quattro soci (Banca Finint di Enrico Marchi, Delfin della famiglia Del Vecchio, Luigi Rossi Luciani Sapa di Luigi Rossi Luciani e Za-Fin di Bruno Zago), espressione della migliore imprenditoria del Nord-Est, assieme ad Invitalia con l’obiettivo salvaguardare l’occupazione locale e rilanciare il business. Oggi Ceramica Dolomite impiega nel sito bellunese oltre 360 dipendenti e produce nel suo stabilimento di oltre 70.000 m2 la totalità degli articoli di ceramica concepiti e disegnati da designer italiani – serie da bagno, articoli per la lavanderia, la cucina e gli ambienti collettivi – combattendo gli sprechi e riciclando gli scarti produttivi nel pieno rispetto dell’ambiente.

 

- Advertisment -

Popolari