13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 13, 2024
HomeSocietà, Associazioni, IstituzioniFeltre, il bilancio dell'attività dello Sportello del Cittadino a sei mesi dall’apertura

Feltre, il bilancio dell’attività dello Sportello del Cittadino a sei mesi dall’apertura

Sono passati poco più di sei mesi dall’avvio dello “Sportello del Cittadino”, il recapito voluto dall’Amministrazione presso la sede dei Magazzini Comunali di via Vignigole per offrire ai cittadini un’interfaccia, anche “fisica”, con cui relazionarsi per eventuali esigenze o richieste di vario tipo.
Un servizio che sembra aver riscontrato il favore della cittadinanza, considerando il fatto che sono in media un centinaio le persone che vi si sono rivolte ogni mese. Diverse e variegate le richieste da parte dell’utenza, rivolte nella maggior parte dei casi alla segnalazione o richiesta di manutenzioni, sopralluoghi e interventi vari.
A tale riguardo, gli operatori dello Sportello forniscono anche supporto a quelle persone, soprattutto anziane, che non avendo dimestichezza con i mezzi informatici non riescono ad inserire sulla piattaforma del Comune le segnalazioni per guasti o richieste di intervento; in questi mesi sono oltre 80 quelle caricate dagli operatori a nome e per conto di cittadini; di queste, ad oggi, 60 sono state evase, mentre le rimanenti 20 sono in carico agli Uffici comunali competenti.
Altro ambito tra i più “gettonati” da parte dei cittadini (circa il 30% del totale) è quello che riguarda il servizio di raccolta dei rifiuti e di conferimento nelle isole ecologiche, con riferimento, soprattutto, a richieste di informazioni su chiavette o tessere magnetiche. In questo caso lo Sportello ha fornito consulenza sui recapiti da contattare presso Bellunum, la società che gestisce il servizio per conto del Comune. Tra le richieste più numerose da parte dei cittadini (circa 20% del totale) vi sono poi quelle che riguardano i contatti con gli uffici o i servizi del Comune; anche in questo caso gli operatori dello sportello indirizzano gli utenti nella maniera più adeguata, fissando, ove possibile e necessario, anche l’appuntamento per un primo colloquio.
Vi è, ancora, chi si rivolge allo Sportello per avere informazioni riguardanti altre società erogatrici di servizi (acqua, energia elettrica, gas, etc…); anche in questo caso lo Sportello cerca di fornire i contatti di riferimento utili all’utente.
Infine, dato tutt’altro che trascurabile, c’è chi si rivolge allo Sportello “solo” per avere un momento di confronto o di “sfogo”, per questioni che spesso esulano completamente dai servizi erogati dal Comune. “Specialmente dopo la pandemia, incontriamo spesso persone che hanno necessità di scambiare una parola sulla propria situazione personale o familiare, a volte non facile; cerchiamo di ascoltarli e, per quanto possibile, di dare loro quel po’ di supporto che può venire dallo scambio di due chiacchiere, ben sapendo che a volte queste persone non hanno nessuno che semplicemente parli con loro”.
“I dati sull’attività condotta in questi mesi ci confermano della bontà della scelta di istituire lo Sportello del Cittadino, così come quella relativa alla sua ubicazione presso i Magazzini Comunali (di facile accesso anche per i cittadini più anziani o con difficoltà motorie)”, sottolinea il vicesindaco del Comune di Feltre Claudio Dalla Palma, anche quale titolare del referato alle Frazioni. “Il Comune, continua Dalla Palma, rappresenta in molti casi uno dei pochi interlocutori della Pubblica Amministrazione con cui il cittadino può oggi rapportarsi; un grazie doveroso va agli operatori dello Sportello, e in particolare a Mariarosa Schievenin, per lo spirito di servizio e la solerzia con cui segue l’attività dello Sportello, che ha riscosso in questui mesi il favore dei cittadini e degli utenti, soprattutto quelli per diverse ragioni più “deboli””.

 

- Advertisment -

Popolari