13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 28, 2024
HomeCronaca/PoliticaStop Nato, stop Ue, stop sanzioni, stop invio armi. La manifestazione di...

Stop Nato, stop Ue, stop sanzioni, stop invio armi. La manifestazione di Forza Nuova nelle province venete

Nelle strade del Veneto risuona la protesta di Forza Nuova, quella speranza, quella promessa, che batte nel cuore di milioni di Italiani: fuori l’Italia dalla Nato, fuori l’Italia dalla Ue, stop alle sanzioni, no all’invio di armi all’Ucraina. I militanti forzanovisti negli ultimi giorni hanno affisso migliaia di manifesti in giro per la regione, ed in particolar modo a Padova, Rovigo, Mestre e Belluno, per dar voce ad un sentimento diffuso nella maggioranza degli italiani ma silenziato dai mass-media, in gran parte al servizio del partito unico atlantista.

“La maggioranza degli italiani è contraria all’invio di armi in Ucraina ed è favorevole alla pace” dichiara Luca Leardini, responsabile regionale di Forza Nuova. “Il conflitto tra Russia e Ucraina è stato innescato dalla politica criminale della NATO, che ha creato a tavolino le condizioni per questa guerra. Lo scopo è piegare e sottomettere la Russia, ma anche indebolire la stessa Europa. Gli USA perdono potere, sentono vacillare il loro dominio globale, e sono arrivati al punto di essere disposti a scatenare un conflitto atomico pur di preservare la loro egemonia”.

E’ da mesi che Forza Nuova è in prima linea nelle mobilitazioni contro la guerra e la presenza opprimente della NATO in Italia. Tra presidi e manifestazioni, sono decine le iniziative a favore della pace tra il popolo russo e quello ucraino promosse dal movimento. “La maggioranza degli italiani non è interessata a questa guerra, non ha sentimenti di ostilità verso la Russia, e vorrebbe che i soldi investiti in armi e munizioni venissero utilizzati per aiutare il nostro popolo, ed in particolar modo i disabili, i pensionati e le famiglie in povertà, che sono milioni. Noi con le nostre incessanti iniziative stiamo dando voce a questi milioni di italiani” conclude Leardini, che annuncia anche l’inaugurazione per il prossimo 6 maggio di uno spazio libero a Padova che darà impulso in città ad una politica di lotta rivoluzionaria a favore dei reali interessi del popolo italiano.

- Advertisment -

Popolari