13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 13, 2024
HomePrima PaginaTorneo delle Regioni: Marcon, De Zolt e Busin sono in semifinale

Torneo delle Regioni: Marcon, De Zolt e Busin sono in semifinale

Rappresentativa veneta femminile – Torneo delle Regioni
Gabriel Marcon – Torneo delle Regioni

Gabriel Marcon e la selezione veneta Under 15 sono in semifinale al Torneo delle Regioni. E lo stesso vale per la rappresentativa femminile, con Susanna De Zolt e Giorgia Busin, mentre l’Under 17 di Nicola Masut e Simone Perot non era riuscita ad accedere alla fase conclusiva.

Entrando nel dettaglio, i quarti sorridono a Marcon: l’esterno della SSD Dolomiti Bellunesi dà il suo contributo entrando dalla panchina, in occasione del successo per 2-0 sui padroni di casa del Piemonte Val d’Aosta. E Gabriel è giustamente soddisfatto: «Dopo il giorno di pausa – racconta – siamo tornati in campo con tanta voglia di portare a casa la vittoria e così è stato. Ora siamo in semifinale e troveremo la Toscana, reduce dal successo ai rigori sulla selezione del Lazio». La sfida che mette in palio un biglietto di sola andata per l’atto conclusivo della competizione è in programma domani mattina (mercoledì 26, ore 9.30 del mattino), al “Dino Marola” di Vinovo.

Colpo di scena, invece, per Busin, De Zolt e le loro compagne: piegate (2-1) dalla Toscana sul campo. Ma ugualmente qualificate, dopo che le avversarie hanno schierato un’atleta squalificata: di conseguenza, verdetto ribaltato con il classico 3-0 a tavolino. E Veneto fra le magnifiche quattro. Domani pomeriggio (ore 16.30) c’è da affrontare l’Emilia Romagna a Volpiano: «Siamo andate subito in vantaggio, di testa, sugli sviluppi di un corner – raccontano le due dolomitiche -. Solo che, a metà primo tempo, abbiamo sbagliato un rigore. Da quel momento siamo un po’ calate e abbiamo incassato due reti in pochi minuti, a ridosso dall’intervallo». Non è bastata una ripresa all’attacco: «Forse è mancata un po’ di compattezza per poter recuperare la partita. In realtà qualche occasione l’abbiamo creata, ma dovevamo essere più convinte». Poi, l’incredibile sorpresa: l’avventura continua.

- Advertisment -

Popolari