13.9 C
Belluno
lunedì, Giugno 24, 2024
HomeCronaca/PoliticaNumerosi soccorsi in montagna

Numerosi soccorsi in montagna

Belluno, 19 – 02 – 23   Quattro scialpinisti sono stati recuperati oggi sulle montagne bellunesi per altrettanti infortuni, con la nebbia che ha ostacolato l’avvicinamento degli elicotteri.

Attorno a mezzogiorno l’eliambulanza di Trento è volata a Falcade, sulla Forca Rossa, dove uno scialpinista trentino di 38 anni aveva riportato un probabile trauma al ginocchio. Imbarcato assieme alla compagna, l’uomo è stato trasportato all’ospedale di Trento.

Una squadra del Soccorso alpino di Cortina è stata trasportata in quota a Mondeval dall’elicottero dell’Air service center, convenzionato con il Soccorso alpino Dolomiti Bellunesi. I soccorritori hanno quindi raggiunto uno scialpinista 50enne di Scorzè (VE) e gli hanno prestato le prime cure a seguito di una possibile distorsione al ginocchio. L’uomo è stato poi accompagnato all’ospedale di Cortina.

Allertate alle 13.30, le squadre del Soccorso alpino dell’Alpago erano già partite con sci e toboga da Pian de le Stele, dopo esservi arrivate con il quad, in direzione di Forcella Cornor. Scendendo con una comitiva di sciatori infatti una 56enne di Vittorio Veneto (TV) aveva messo male una gamba, con conseguente sospetto trauma al ginocchio ed erano risultati vani i tentativi di avvicinamento da parte dell’elicottero di Treviso emergenza e del Friuli Venezia Giulia, bloccati dalla nebbia. Fortunatamente di seguito è riuscita l’eliambulanza del Suem di Pieve di Cadore che, individuato il punto, ha trovare uno spiazzo dove atterrare a 1.800 metri di quota. La donna è stata portata al San Martino.

È residente a Praga l’ultimo scialpinista in difficoltà. L’uomo, che a seguito di una caduta si era fatto male a una spalla alla fine della Val Fonda sul Cristallo, è stato inizialmente aiutato da una squadra del Soccorso alpino di Cortina, trasportata a bordo dell’elicottero dell’Air service center, e poi recuperato con un verricello dal tecnico di elisoccorso dell’elicottero di Pieve di Cadore.

Questa mattina verso le 10.30 è scattato l’allarme per un uomo rinvenuto dalla moglie privo di coscienza, lungo una strada boschiva in località Federe, sopra l’abitato di Casamazzagno. Il settantenne del posto non era rientrato da una camminata e la moglie era andata a cercarlo nei luoghi frequentati abitualmente, dove lo aveva rinvenuto a terra. Sul posto sono stati inviati una squadra del Soccorso alpino della Val Comelico e della Guardia di Finanza, assieme a un’ambulanza. La nebbia, che ne impediva l’avvicinamento, ha poi aperto un varco ed è intervenuto l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore. Prestate le prime cure, l’uomo è stato imbarcato e trasportato all’ospedale di Treviso.

- Advertisment -

Popolari