13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 28, 2023
Home Cronaca/Politica Sala Bianchi al completo venerdì in ricordo di Ermano De Col

Sala Bianchi al completo venerdì in ricordo di Ermano De Col

Belluno, 18 dicembre 2022 – Organizzata dal gruppo consiliare e dalle liste “Insieme per Belluno Bene Comune” si è tenuta venerdì scorso alle 18 in Sala Bianchi la manifestazione dedicata a Ermano De Col, scomparso quest’estate dopo una breve malattia, sindaco di Belluno nel quinquennio 2001-2006, consigliere comunale dal 1968, giovanissimo assessore la prima volta nel 1973 e vicesindaco di Gianclaudio Bressa nel 1990.
Presenti la moglie, la figlia e i nipoti, la commemorazione è stata guidata da Francesco Rasera Berna, al tavolo con Paolo Bello (che ha curato la parte tecnica con la proiezione di immagini e filmati) e Lucia Olivotto, capogruppo in Consiglio di “Insieme per Belluno Bene Comune”.

Aprendo i lavori, Francesco Rasera Berna ha ricordato il lungo legame con Ermano, un rapporto iniziato 40 anni fa, così come la sua coerenza democratica e la sua dirittura morale, che sono il collante – ha detto – “del nostro ritrovarci oggi sui valori fondamentali”. Si sono alternati in molti al microfono, per portare ciascuno il proprio ricordo di una figura lineare e coerente, un socialista dichiaratamente e caparbiamente antifascista e sempre schierato a difesa della Costituzione repubblicana e dei suoi valori.
Dopo i saluti istituzionali (sono intervenuti gli assessori De Bon per la Provincia e Luciani per il Comune) hanno preso la parola Alberto Simiele, che ha confessato di aver avuto il mandato (reciproco!) da De Col di tenere una specie di “orazione funebre” laica alla sua morte, quindi di Enrico Bacchetti, direttore dell’Isbrec di cui per lunghi anni De Col è stato tra i dirigenti più convinti e attivi; quindi Lucia Olivotto, la cui candidatura De Col aveva convintamente sostenuto mettendosi ancora una volta, come sempre, in lista; Marco Perale, il suo vice sindaco nel 2001-2006, che ne ha tracciato a grandi linee la cinquantennale presenza a Palazzo Rosso, sempre “dalla stessa parte” e alla ricerca dell’unità delle forze progressiste; quindi il suo capogruppo della scorsa legislatura Maci De Pellegrin, che ne ha ricordato gli insegnamenti; Gino Sperandio, presidente dell’Anpi, che ha sottolineato la fedeltà di De Col ai valori della lotta partigiana; e ancora Lucia Olivotto che ha ricordato l’incoraggiamento ottenuto da De Col; tre assessori della sua giunta del 2001, Maurizio Busatta, Maria Teresa Cassol e Livio Viel, che con diverse angolature ne hanno delineato la lungimiranza politica ed il coraggio amministrativo; Emiliano Casagrande che ne ha ricordato alcuni aneddoti, e infine l’amico d’infanzia Piero Sommavilla e la collega come maestra nella scuola Lina Beltrame che hanno completato il quadro tracciandone un particolare profilo umano e professionale.
Durante l’intera serata, protrattasi per quasi due ore in una Sala Bianchi stracolma di gente anche in piedi, sono state proiettate una serie di immagini della vicenda umana e amministrativa di De Col, ma i momenti più significativi sono stati sicuramente i due filmati con l’intervento di Ermano De Col nel 2006, all’inaugurazione della restaurata Casera ai Ronch, dietro il Monte Serva, già comando partigiano, quando aveva ricordato i valori che allora avevano mosso tanti giovani a salire in montagna, e poi nel 2018, quando in Consiglio Comunale era intervenuto, spaziando dalla filmografia di Luciano Salce fino ai versi altissimi di Piero Calamandrei, per difendere l’intitolazione di quella sala che la sua amministrazione aveva dedicato alla memoria di Eliseo Dal Pont, sindacalista e comandante partigiano con il nome di battaglia di “Bianchi”, che periodicamente qualche nostalgico tenta inutilmente di cancellare.
Una serata, ed un personaggio, che come I valori della Resistenza e della Costituzione repubblicana non possono e non devono essere dimenticati. E non lo saranno.

Share
- Advertisment -

Popolari

Soccorso alpino e droni: attività e prospettive

Il passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino...

Moda: gli accessori più importanti per una donna

Per rendere meglio l'idea potremmo dire che gli accessori femminili stanno all'abbigliamento come l'illuminazione sta all'arredamento di una stanza. Se scelti bene, possono far...

Caso Miramonti. L’immobiliarista Corsini scrive a tutte le autorità elencando le criticità rilevate

C’è un nuovo intervento dell’immobiliarista romano Matteo Corsini che oggi ha inviato una comunicazione a tutte le autorità sul caso del Grand Hotel Miramonti...

Safilo Longarone. Segreterie regionali Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil: 472 lavoratori ritenuti non più strategici

Ieri, giovedì 26 gennaio presso la sede di Veneto Lavoro, si è tenuto alla presenza dell’Assessore Elena Donazzan l’incontro fra le OO.SS e l’Amministratore...
Share