13.9 C
Belluno
lunedì, Febbraio 26, 2024
HomeSocietà, Associazioni, IstituzioniInvestimenti online: in crescita gli utenti delle piattaforme di trading

Investimenti online: in crescita gli utenti delle piattaforme di trading

Da qualche anno a questa parte l’intero mondo del trading online ha intrapreso un percorso di crescita semplicemente spaventoso: dall’aumento degli investitori digitali a quello dei canali telematici loro dedicate. Partendo proprio dai broker, è molto significativo osservare come, negli ultimi anni si sia registrato un sostanziale raddoppio di siti, applicazioni e broker ufficialmente riconosciuti. Parallelamente anche il numero di trader è aumentato di circa il 50%: il dato di partenza del 2020 contava poco più di 3,5 milioni di persone.

Oggi le stime parlano di più di 6,3 milioni di operatori, che hanno messo sul mercato un patrimonio da oltre 70 miliardi di euro: risorse più o meno equamente distribuite tra azioni, materie prime, valute, obbligazioni, criptovalute, strumenti finanziari vari ed eventuali. Con questo genere di dati è molto facile capire come mai siano in crescita le persone che vogliono diventare trader. Per riuscirci, però, è importante formarsi ed informarsi adeguatamente, così da capire come muoversi all’interno dei mercati finanziari. A tal proposito, il primo passo da compiere è quello di scegliere l’intermediario migliore con cui operare. È importante che le piattaforme per il trading siano certificate e che offrano tutti gli strumenti necessari per aiutare i traders a sviluppare una strategia di investimento vincente.

Come iniziare a investire

Un utente alle prime armi deve innanzitutto dotarsi degli strumenti di base necessari: informazioni e nozioni utili a operare nel mercato con il giusto grado di consapevolezza. Da questo punto di vista esistono moltissime fonti da tenere in considerazione: dai corsi di studio canonici al materiale informativo disponibile in rete. Articoli, approfondimenti, ebook e in certi casi addirittura video-lezioni.

Di solito si comincia con un primissimo know-how fondamentale, magari proprio a partire dallo scopo principale del trading online: il raggiungimento di un guadagno attraverso l’acquisto, la vendita e lo scambio di asset. Il termine asset richiede un’ulteriore approfondimento, considerato che, in Finanza, è spesso polisemico. Le azioni sono infatti asset, ma anche le valute, le materie prime e tantissimi altri strumenti finanziari. Un trader dunque deve imparare a orientarsi tra gli asset e, soprattutto, imparare a distinguerli in base alle caratteristiche distintive di ciascuno di essi. Infine è opportuno avvicinarsi al concetto di volatilità: in Borsa infatti il valore degli asset è quasi sempre variabile o, per l’appunto, volatile. Questo vuol dire che la quotazione di azioni, obbligazioni e via dicendo è in continuo movimento: può sia scendere che salire, in base a tutta una serie di input.

Come scegliere le piattaforme di trading

Una volta sviluppate le prime nozioni di trading online diventa possibile scegliere tra le migliori piattaforme disponibili. In tal senso è necessario acquisire i mezzi utili a valutare i tanti broker presenti in rete. Anche perché spesso non esistono siti di trading migliori o peggiori di altri in termini assoluti. Tutto sta nell’individuare la realtà più in linea con le proprie esigenze, le proprie aspettative e la propria strategia finanziaria. Per compiere questo genere di scelta di solito si presta attenzione soprattutto all’offerta disponibile, alle condizioni di utilizzo e alle modalità operative.

L’offerta disponibile indica il numero e la tipologia di asset e mercati a cui il singolo broker permette di accedere. Le condizioni di utilizzo possono riguardare vari aspetti: dall’assenza di commissioni fisse alla cifra richiesta agli utenti come deposito minimo per investire. Anche le modalità operative variano di broker in broker e tra le più note è possibile citare innanzitutto il “Conto Demo”: una specie di simulazione di investimento, pensata per fare pratica senza rischiare di compromettere il proprio budget.

 

 

- Advertisment -

Popolari