13.9 C
Belluno
martedì, Febbraio 7, 2023
Home Prima Pagina Ulss Dolomiti: un sistema di intelligenza artificiale per la diagnosi di ictus

Ulss Dolomiti: un sistema di intelligenza artificiale per la diagnosi di ictus

In occasione della Giornata mondiale dell’ictus (29 ottobre), l’Ulss Dolomiti ha presentato il sistema di intelligenza artificiale, disponibili in tutti gli ospedali dell’Azienda, per la diagnosi di ictus.

Che cos’è l’ictus?
È una malattia cerebrovascolare acuta causata dall’improvvisa ostruzione (da parte di un trombo o di un embolo, ictus ischemico- 80% dei casi) oppure dalla rottura di un vaso sanguigno che irrora l’encefalo (ictus emorragico – 20% dei casi).

Alcuni dati
Nei paesi occidentali l’ictus costituisce la terza causa di morte dopo i tumori e le malattie cardiache; rappresenta però la principale causa di invalidità degli adulti.
In Italia si stimano circa 150.000 nuovi casi di ictus ogni anno.
In provincia di Belluno i casi sono circa 300 all’anno.

Come si cura
I pazienti colpiti da ischemia cerebrale acuta dispongono attualmente di due possibilità terapeutiche di provata efficacia nel ridurre la disabilità indotta da un ictus: la trombo lisi endovenosa sistemica e la trombectomia meccanica. Mentre la prima consiste nell’infondere un farmaco endovena che mira a “sciogliere” il coagulo di sangue che ostruisce la circolazione cerebrale, la seconda è di fatto la rimozione meccanica del trombo occludente. Le due procedure sono entrambe tempo-dipendenti: possono essere eseguite, di norma, al paziente che arriva in ospedale entro circa 4 ore e mezza per la trombolisi ed entro circa 6-7 ore per la trombectomia.

Che cos’è il “RAPID”?
Per fare fronte all’impegno sempre crescente e complesso nella gestione dell’ictus l’Ulss 1 ha acquisito un sistema di Intelligenza Artificiale (IA): “RAPID”.
Si tratta di un complesso software basato sul “machine learning”: le IA di ultima generazione “imparano” elaborando grandissime quantità di dati assunti da casi reali.
Tutte le TAC presenti negli ospedali della provincia di Belluno (Belluno, Feltre, Agordo e Pieve di Cadore) sono state dotate di nodi di trasmissione dati verso il software RAPID, il quale elabora rapidamente le immagini delle tac cerebrali eseguite per il sospetto di stroke e invia i risultati in un sistema, nel quale è presente anche un APP, a cui possono accedere tutti i professionisti abilitati. In particolare i neurologi e radiologi dei diversi ospedali e i neuroradiologi di Treviso attualmente nostro centro HUB per la rimozione dei coaguli nei vasi cerebrali (trombectomia).
I vantaggi dell’implementazione di questo software sono molteplici:
• Riproducibilità e standardizzazione dei risultati delle TAC nei diversi centri.
• Aumentata sensibilità rispetto all’occhio umano nel rilevare la patologia ischemica.
• Velocità nella distribuzione dello studio tramite APP a tutti gli interessati con rapida visualizzazione nel centro HUB, se indicato.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Bando regionale per l’imprenditoria femminile. Domande on line dal 16 febbraio all’8 marzo

Venezia, 7 febbraio 2023 “Donne protagoniste dell'economia, dell'impresa e dello sviluppo produttivo della nostra regione. A loro dedichiamo questo importante bando di contributi regionali...

CAI – Coordinamento Sezioni Dolomiti Bellunesi. La Regione assicura l’aumento dei fondi per la manutenzione di sentieri e ferrate

Venezia, 7 febbraio 2023 - Aumentati i fondi regionali per i sentieri di montagna: la delegazione scesa ieri a Venezia e ricevuta dall'assessore al turismo...

Cortina sci ai piedi! Alta Badia – Ampezzo in 4 ore di sci con la nuova cabinovia Skyline

Un nuovo skitour dall'Alta Badia a Cortina per scoprire tutte le piste della Regina delle Dolomiti grazie alla nuova cabinovia Cortina Skyline. Un vero...

Sabato a Borgo Piave la presentazione del libro di Gobbato, Borovnica e altri campi di Tito

La Lega Nazionale delegazione di Belluno, in accordo e collaborazione con il Circolo culturale La Terra dei Padri - Belluno, commemorerà la Giornata del...
Share