13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 28, 2023
Home Prima Pagina Soccorso Alpino. Un riconoscimento per oltre 40 anni di attività a Gianni...

Soccorso Alpino. Un riconoscimento per oltre 40 anni di attività a Gianni Sitta e Claudio Scardanzan

Belluno, 29 – 10 – 2022  Sono stati consegnati oggi pomeriggio, in una sentita cerimonia in Sala consiliare, gli attestati di riconoscimento per oltre 40 anni di attività all’interno del Soccorso alpino di Belluno a Gianni Sitta e Claudio Scardanzan.

Alla presenza del sindaco di Belluno, Oscar De Pellegrin, del consigliere nazionale del Cnsas Fabio Rufus Bristot, del Delegato Alex Barattin e del capo della Stazione di Belluno Gianpaolo Sani, ai due storici soccorritori sono stati consegnati gli attestati di stima e profondo ringraziamento, di fronte ai numerosi volontari, alle famiglie e ai rappresentanti dell’amministrazione comunale.

Queste le parole del sindaco De Pellegrin: “Sono felice e orgoglioso di questa cerimonia organizzata dal Soccorso Alpino proprio qui in Comune, in quella che io chiamo la casa dei bellunesi. E lo sono per due motivi. Innanzitutto perché il Corpo nazionale del Soccorso alpino è una realtà che ci rende estremamente fieri, che incarna lo spirito bellunese dell’aiuto silenzioso agli altri, quell’aiuto concreto fatto senza clamori né volontà di visibilità.

I volontari sono gente davvero tosta, preparata fisicamente, consapevole di potersi trovare nella situazione di mettere a repentaglio la propria vita pur di salvare quella di altri. Io credo sia quanto di più grande possa fare un uomo. Cosa c’è di più di questo?

Non li si ringrazia mai abbastanza, questi volontari che spendono il loro tempo per gli altri, che magari rinunciano a stare in famiglia per rispondere alle chiamate di soccorso.

E poi sono felice perché l’occasione di questo ritrovo è il lavoro prestato da due volontari che sono stati dipendenti del nostro Comune. Una vita votata alla comunità, quella di Scardanzan e di Sitta, tanto nel lavoro quanto nel tempo libero. Per 45 e 43 anni hanno risposto “sì” quando venivano chiamati per gli interventi, hanno salvato vite e io credo che in questo loro operato abbiano rinunciato a molto tempo con i propri cari ma abbiano anche ricevuto tanto in cambio.

Martin Luther King diceva che la domanda più urgente della vita è “Cosa stai facendo per gli altri?”. Chiediamocelo sempre, e cerchiamo di lavorare perché la nostra risposta sia sempre positiva, così come hanno fatto i nostri due volontari”.

“La passione verificata in 45 anni di appartenenza alla Stazione del Cnsas di Belluno per Caio e di 43 per Gianni fa di questi due volontari persone senza dubbio carismatiche, modelli che hanno saputo usare l’influenza e l’esempio, a cui prima facevo cenno, per arrivare sino a qua. Grazie a Caio e Gianni per quanto avete fatto a favore delle nostre comunità e del Cnsas tutto, grazie perché siete stati autenticamente il Cnsas”, le parole di Fabio Rufus Bristot.

Di seguito i testi degli attestati consegnati assieme al Certificato di iscrizione a Claudio e Gianni.

A Claudio “Caio” Scardanzan,

per i tuoi 45 anni di appartenenza al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Stazione di Belluno, nel corso dei quali hai offerto la tua preziosa collaborazione volta a garantire sia decine di missioni di soccorso a favore di altrettanti feriti, pericolanti e persone decedute nel territorio di competenza, sia centinaia di azioni espressamente dedicate alla ricerca di persone disperse, svolgendo in particolare attività di coordinamento in 316 missioni di soccorso nel territorio provinciale ed extra provinciale, attuando con minuziosa ed appassionata dedizione lo sviluppo di software e sistemi cartografici di caratura nazionale precipuamente indirizzati alla ricerca e soccorso delle persone disperse.

A Giovanni “Gianni” Sitta,

per i tuoi 43 anni di appartenenza al Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico – Stazione di Belluno, nel corso dei quali hai offerto la tua preziosa collaborazione volta a garantire sia svariate decine di missioni di soccorso a favore di altrettanti feriti, pericolanti e persone decedute nel territorio di competenza, sia centinaia di interventi nel territorio provinciale ed extra provinciale quale Tecnico di elisoccorso nel servizio di elisoccorso del SUEM 118, durante i quali hai anche svolto una significativa attività di formazione e certificazione del personale sanitario e del personale del CNSAS.

Share
- Advertisment -

Popolari

Soccorso alpino e droni: attività e prospettive

Il passaggio al nuovo anno è il momento in cui si tirano le somme del passato e si pianifica il futuro. Il Soccorso alpino...

Moda: gli accessori più importanti per una donna

Per rendere meglio l'idea potremmo dire che gli accessori femminili stanno all'abbigliamento come l'illuminazione sta all'arredamento di una stanza. Se scelti bene, possono far...

Caso Miramonti. L’immobiliarista Corsini scrive a tutte le autorità elencando le criticità rilevate

C’è un nuovo intervento dell’immobiliarista romano Matteo Corsini che oggi ha inviato una comunicazione a tutte le autorità sul caso del Grand Hotel Miramonti...

Safilo Longarone. Segreterie regionali Filctem Cgil – Femca Cisl – Uiltec Uil: 472 lavoratori ritenuti non più strategici

Ieri, giovedì 26 gennaio presso la sede di Veneto Lavoro, si è tenuto alla presenza dell’Assessore Elena Donazzan l’incontro fra le OO.SS e l’Amministratore...
Share